Menu
Cerca
Il Governo ha detto sì

Sotto la tensostruttura, la palestra è già aperta: il caso che ha fatto scuola

Situata in un ex capannone, può garantire un'aerazione ottimale spalancando tutti i portoni.

Sotto la tensostruttura, la palestra è già aperta: il caso che ha fatto scuola
17 Aprile 2021 ore 09:11

Se la palestra sta sotto una tensostruttura, può già rimanere aperta. Anche in zona arancione. E’ un caso destinato a far scuola, quello che dalla provincia di Padova s’è conquistato la ribalta nazionale.

Sotto la tensostruttura, palestra aperta

A Vigodarzere, nella provincia di Padova, c’è una palestra che, nonostante i divieti ancora vigenti in tutta Italia, ha già potuto riaprire perché paragonata a una tensostruttura. Il “trucco” c’è e si vede eccome. Una palestra aperta in pieno “embargo” da Covid perché paragonata ad una tensostruttura, come racconta Prima Padova.

“Il Delfino” di Vigodarzere fa allenare i suoi iscritti completamente all’aperto. La titolare, Chiara Pintonello, ha pensato bene di aprire tutti i portoni, di fatto restando “senza pareti”. A quel punto l’imprenditrice si è rivolta alle istituzioni, prima al Comune che a sua volta ha investito della questione il Governo, sottoponendo loro il suo caso e… magicamente le porte – stavolta metaforiche – si sono spalancate.

La palestra-tensostruttura

Il caso che ha fatto scuola

Un caso che, in vista delle (sembra) imminenti riaperture è destinato a fare scuola, visto che tra i principali requisiti anche delle nuove linee guida un’adeguata aerazione rimane tra i più importanti. Ed ecco le norme da seguire, pubblicate anche via social, per poter accedere alla struttura padovana:

“ATTENZIONE – Previo opportuno interpello effettuato dal comune al dipartimento sport del governo, la palestra asd il Delfino APRE la sala pesi , avendo le aperture laterali che garantiscono l’areazione naturale di almeno il 50% della superficie laterale della struttura: RISPETTANDO:

IL DISTANZIAMENTO
L’IGIENIZZAZIONE DELLE MANI
L’IGIENIZZAZIONE DEGLI ATTREZZI
E CON L’AUSILIO DI PURIFICATORI E SANIFICATORI ACTIVE PURE CHI FOSSE INTERESSATO CI CONTATTI PER PRENDERE APPUNTAMENTO”.

Che dire? Un esempio di come l‘ingegno e l’intraprendenza di un’imprenditrice veneta hanno portato a salvare non solo la sua attività, ma anche uno spunto per molti colleghi in difficoltà.

LEGGI ANCHE: Secondo uno studio, all’aperto è quasi impossibile il contagio da Covid-19

LEGGI ANCHE: Il cloro uccide il Covid: l’acqua della piscina riduce l’infettività del virus