Attualità
Sanità

Ivrea petizione per il nuovo ospedale

Le segnalazioni raccolte sono state inviate in Regione

Ivrea petizione per il nuovo ospedale
Attualità Ivrea, 09 Dicembre 2021 ore 10:42

Ivrea petizione per il nuovo ospedale, l'iniziativa lanciata dal gruppo Piazza Eporedia

Ivrea petizione

A Ivrea petizione per il nuovo ospedale su iniziativa del gruppo Piazza Eporedia. E' stata indirizzata all'assessore regionale alla Sanità  Luigi Genesio Icardi, al vice presidente IV Commissione Sanità Andrea Cane e al sindaco   di Ivrea  Stefano Sertoli.   PiazzaEporedia, raccogliendo le osservazioni di molti cittadini, ha già espresso la propria posizione sull’argomento e non si nasconde la forte preoccupazione per la strumentalizzazione ed i campanilismi che sono proliferati da più parti.

Il commento

Apprendiamo con viva soddisfazione dal comunicato del Vice Presidente della IV Commissione Sanità del Consiglio Regionale del Piemonte che ora, con lo stanziamento di appositi fondi, si aprono prospettive realistiche per portare a buon fine la realizzazione del nuovo ospedale Ivrea - commentano dal gruppo - Poiché la questione è lapalissiana, siamo fiduciosi nella Vostra comprensione affinché il Vostro impegno politico sarà in grado di mantenere ferma una valutazione che avrebbe dovuto coinvolgere l’unico interlocutore interessato, ossia la città di Ivrea, pur comprendendo che alcuni passaggi nell’ambito dell’Assemblea dei Sindaci dell’ASL TO 4 siano dovuti.

La polemica

"Purtroppo, verosimilmente a causa di una mancata volontà di chiarimenti preliminari, si sono formate cordate e schieramenti di Sindaci che a torto ritengono di poter intervenire sulla questione, tutti motivati da interessi che sono assolutamente distanti da quelli della città di Ivrea in cui il ruolo dell’ospedale negli anni si è concretizzato come punto di riferimento e di qualificazione non solo per l’eporediese, ma anche per tutto il Canavese e la bassa Valle d’Aosta. Distruggere un patrimonio storico che caratterizza la città di Ivrea da oltre 60 anni appare francamente un’ipotesi quanto meno bizzarra", concludono.