Feletto

Nuova illuminazione sulla SP460

Un importante intervento in chiave sicurezza ma che consentirà anche una migliore efficienza energetica.

Nuova illuminazione sulla SP460
Attualità Alto Canavese, 09 Agosto 2021 ore 07:16

Nuova illuminazione sulla SP460 grazie al rinnovamento dell'impianto nel territorio comunale di Feletto.

Nuova illuminazione sulla SP460

E’ in programma nei prossimi giorni l’avvio dei lavori per il rinnovamento sostanziale dell’impianto di illuminazione pubblica che dà sulla Provinciale 460, nel territorio di competenza del Comune di Feletto. Un importante accordo quello che è stato raggiunto dall’Amministrazione altocanavesana e dall’Enel Sole, che porterà alla sostituzione degli ormai vecchi sistemi, ma non solo. Tutto ciò farà sì che la zona interessata abbia nel periodo «in notturna» una visibilità migliore, garantita da luci a led che sono decisamente più moderne e qualitativamente superiori. In più, per le municipalità felettese si tratta di un modo per ottenere nel complesso una minore spesa.

Le parole del sindaco Forneris

«Le opere che dovrebbero partire a metà agosto - spiega il vicesindaco Fabio Forneris - ci permetteranno pure di andare a piazzare una serie di nuovi pali dove, per vari motivi, nel corso del tempo sono venuti a mancare. In più la nuova impiantistica, per come è stata studiata grazie alla collaborazione con l’Enel, sarà suddivisa praticamente in tre zone diversificate. Questo significa che in caso di malfunzionamento, manutenzione o per cause varie non sarà necessario “spegnere” tutta la tratta, bensì solo quella interessata dall’intervento».

Maggiore sicurezza sulle strade

Tra implementazioni e nuovi sistemi si arriverà così, entro il prossimo inverno, ad avere sulla Provinciale maggiore sicurezza. Discorso che l’Amministrazione comunale felettese in queste settimane aveva già «applicato» anche con la realizzazione di alcuni dossi: «Il progetto globale dovrebbe portare pure alla realizzazione di altre strutture simili all’altezza della farmacia ed in ingresso al paese, arrivando da Torino. Ciò, appunto, per far sì che ci sia più garanzia sia per i pedoni che per coloro che si trovano a transitare in centro a Feletto» .