Attualità
ronco canavese

Passaggio di consegne tra «dottori di montagna», la Valle Soana saluta il nuovo medico di base

Una sfida superata dal Comune, che ha rischiato di rimanere privo di una figura essenziale

Passaggio di consegne tra «dottori di montagna», la Valle Soana saluta il nuovo medico di base
Attualità Alto Canavese, 15 Novembre 2022 ore 05:14

Passaggio di consegne tra «dottori di montagna», la Valle Soana saluta il nuovo medico di base.

Passaggio di consegne tra «dottori di montagna»

Sanità sempre più a misura di cittadino in Valle Soana. Dopo i servizi di telemedicina già attivati con la Farmacia San Giuseppe, in occasione dell'arrivo a Ronco della nuova “dottoressa di montagna”, Alessia Ronchietto , saranno disponibili altre prestazioni in ambito sanitario, che contribuiranno a rendere sempre più sicura e servita la popolazione della valle. Le iniziative in campo sono state illustrate alla popolazione venerdì 4 novembre a Ronco, presso la Sala Consiliare comunale, nell’ambito del passaggio ufficiale di consegne tra il dottor Franco Bosio, giunto alla pensione, e la sua sostituta, nuovo medico di famiglia della Valle.

Una battaglia vinta

L'arrivo della dottoressa Ronchietto rappresenta un segnale di speranza per la comunità locale, un obiettivo raggiunto soprattutto grazie alla tenacia del sindaco, Lorenzo Giacomino, che non si è mai dato per vinto di fronte alla prospettiva di lasciare il suo paese senza medico di base, anche quando la battaglia sembrava perduta. «É un risultato davvero importante per noi» – ha commentato il primo cittadino – «perché quest'estate le speranze erano pari a zero, fino a quando è arrivata la telefonata della dottoressa, che ringraziamo di cuore. Mantenere i servizi essenziali è fondamentale per non far venir meno la popolazione, perché la montagna sta piangendo e purtroppo a fine anno l'anagrafe continua a segnare molte perdite e pochi arrivi. I servizi sul territorio sono l'unica arma che abbiamo per creare le condizioni che permettano alle persone di fare la scelta di vita di stabilirsi quassù».

Servizi fondamentali

Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco di Valprato Soana, Francesco Bozzato, che ha rimarcato anche l'importanza di mantenere e potenziare il servizio di Infermiera di comunità, attivato con successo in valle. All'incontro, anche in rappresentanza del Comune di Ingria, ha partecipato il Consigliere regionale Andrea Cane, Vicepresidente della Commissione regionale per la Sanità, il quale ha sottolineato i buoni risultati raggiunti grazie al lavoro comune svolto per salvaguardare i servizi sulle nostre montagne.

Servizi di trasporto

Il Consigliere regionale Mauro Fava ha posto invece l'accento sulla necessità di garantire sul territorio montano anche il servizio basilare dei trasporti. Sono intervenute alla riunione anche le responsabili dell'Asl To 4 e del Ciss 38, che hanno fornito ulteriori informazioni sui servizi previsti in valle Soana, tra i quali emergono l’infermiere di famiglia e comunità, le reti di prossimità e la psicologa di base.

Il ringraziamento del Sindaco

Il sindaco ha poi voluto ringraziare con un omaggio del Comune sia il dottor Bosio che la dottoressa Ronchietto, che proprio venerdì scorso ha effettuato la prima mattinata di visite presso l'ambulatorio di Ronco. «Ho già ricevuto tanti sorrisi dai miei pazienti e questa è la ricompensa più bella» ha affermato la dottoressa. Sabato 5 novembre, ancora “sanità sul campo” a Ronco, con la dimostrazione dell’utilizzo dei defibrillatori (a breve ne verranno installati cinque sul territorio) da parte della Croce Rossa di Pont Canavese, e con la cena di beneficenza «Una bagna caoda per una nuova ambulanza», in cui la Pro Loco di Ronco ha cucinato presso il salone polivalente il piatto piemontese per eccellenza allo scopo di finanziare l’acquisto di una nuova ambulanza al servizio della popolazione delle Valli Orco e Soana. Nel corso della serata sono stati raccolti ben 1.500 euro.

Seguici sui nostri canali