sanità

Sulla riapertura dell'ospedale di Cuorgnè interviene il consigliere regionale Avetta

Presentata un’Interrogazione per sollecitare l’intervento della Regione Piemonte.

Sulla riapertura dell'ospedale di Cuorgnè interviene il consigliere regionale Avetta
Attualità Cuorgnè, 03 Luglio 2021 ore 14:45

Sulla riapertura dell'ospedale di Cuorgnè interviene il consigliere regionale Avetta: "La Regione intervenga per far riaprire il Pronto soccorso".

Riapertura dell'ospedale di Cuorgnè

“L’ospedale di Cuorgnè è l’unico presidio sanitario del Canavese occidentale a garantire il servizio di Pronto soccorso - interviene il consigliere regionale Alberto Avetta - Un punto di riferimento non solo per i 10mila abitanti di Cuorgnè, ma anche per i residenti delle aree limitrofe e per i numerosi turisti che affollano le straordinarie valli canavesane. Il Pronto soccorso era stato chiuso durante la fase più critica della pandemia. L’Asl TO4, prima si è dichiarata pronta a riaprire il PS, non appena la Regione Piemonte l’avesse consentito. Ora, nonostante il via libera della Regione, la AslTO4 ha comunicato l’impossibilità di riaprire in tempi celeri il Pronto soccorso per carenza di personale. A questo punto, è indispensabile e urgente un intervento dell’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi, come anche sollecitato dal Sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto”.

Petizione online

È stata organizzata una petizione online sottoscritta in pochi giorni da 2000 persone per chiedere l’immediata riapertura del PS presso l’Ospedale di Cuorgnè.