A Oglianico l’albero di Natale solidale realizzato con ago, filo e lana

Realizzato dal Laboratorio oglianicese l'idea arriva direttamente dal Molise...

A Oglianico l’albero di Natale solidale realizzato con ago, filo e lana
Rivarolo, 19 Novembre 2019 ore 05:12

A Oglianico l’albero di Natale solidale realizzato dal Laboratorio oglianicese con l’obiettivo di raccogliere fondi per le famiglie in difficoltà.

A Oglianico l’albero di Natale solidale

Con ago, filo ed un po’ di lana si possono realizzare delle cose straordinarie. Pure… un albero di Natale davvero speciale, che si illuminerà il prossimo 8 dicembre, regalando un calore e tanto colore alla cittadina di Oglianico. Il tutto, naturalmente, con un obiettivo chiaro: quello di raccogliere fondi, al fine di aiutare le associazioni umanitarie che sostengono le famiglie e le persone più bisognose.

Un progetto che parte dal Molise

A portare avanti il progetto (che in questi giorni è in via di completamento) sono le componenti del sempre attivo Laboratorio Mamma Margherita, le quali con abilità, passione, amicizia e grande disponibilità hanno deciso di dare vita a quest’opera. Che, va detto, prende spunto da un’iniziativa lanciata nel 2018 dalla comunità di Trivero, paese del Molise, già sede vescovile di un’antichissima diocesi. Grazie alla volontà di un gruppo di persone guidato dalla promotrice Lucia Santarelli, l’attenzione ottenuta è stata tantissima, come confermata anche dalla risposta dei turisti, che hanno affollato il comune del centro Italia. Quest’anno ad unirsi alla cittadina molisana un numero sempre più cospicuo di paesi e realtà, di ogni dimensione, sia sul terreno italico che all’estero. In Canavese Oglianico, per altro, non è il solo ad aver aderito, dato che hanno deciso di partecipare anche Forno e Locana.

Laboratorio oglianicese

«Abbiamo sposato con entusiasmo questa idea – dicono dal Laboratorio oglianicese – perché ci piace l’idea di “regalare” al nostro paese un albero di Natale inedito, che dia colore ad Oglianico. Grazie alla passione ed alla volontà di chi partecipa al nostro gruppo abbiamo completato la parte esterna dell’albero, fatta da una serie di presine in lana, che successivamente sarà montato su di un’apposita struttura portante». L’idea è poi di dare a chi vorrà, dietro un’offerta, le singole parti dell’albero, al fine di raccogliere fondi: «Il poter aiutare chi ha bisogno ci ha spinto a fare qualcosa di diverso. L’idea partita da Trivero ci ha entusiasmato: a questo punto, invitiamo tutti l’8 dicembre all’accensione dell’albero».

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve