Caso Minutiello, rompe il silenzio Teknoservice e dà le sue spiegazioni

"Franco Minutiello ha sempre goduto, nell’ambito delle prestazioni lavorative, la stima della ditta".

Caso Minutiello, rompe il silenzio Teknoservice e dà le sue spiegazioni
Rivarolo, 30 Settembre 2018 ore 16:07

A stretto giro di posta sono arrivate anche le puntualizzazioni di Teknoservice sul caso Minutiello.

Caso Minutiello, le parole di Teknoserice

Franco Minutiello – si legge nel comunicato stampa dell’azienda - ha sempre goduto, nell’ambito delle prestazioni lavorative, la stima della ditta. Il rapporto lavorativo si è svolto nel rispetto reciproco. Nessuna discussione è mai sorta tra le parti. Purtroppo, il lavoratore è stato gravemente colpito da una patologia invalidante. L’azienda, considerando le difficoltà riscontrate a causa di tale patologia, si è impegnata per molti mesi, come di norma in questi casi, a trovare una nuova mansione idonea alle esigenze che Minutiello avrebbe potuto necessitare. Il medico competente lo dichiarò tuttavia inidoneo alle mansioni alternative sperimentate. Con lo scopo di evitare di mettere a rischio la sua salute e quella dei suoi colleghi, che con lo stesso avrebbero dovuto collaborare, fu richiesto a Minutiello di sottoporsi ad una visita medica presso un ente terzo super partes, al fine di identificare quali mansioni potesse effettivamente svolgere il lavoratore. Quest’ultimo tuttavia ritenne di non presentarsi mai a tali visite, mettendo in evidente difficoltà l’azienda e costringendola alla risoluzione del rapporto di lavoro. Successivamente le parti vennero chiamate per esperire un tentativo di conciliazione. Il signor Minutiello venne convocato dal Presidente conciliatore per ben due volte ma anche in tali occasioni egli non si presentò a nessuna delle convocazioni e addirittura, durante la seconda, sebbene sollecitato telefonicamente dal conciliatore stesso ad intervenire personalmente, egli si rifiutò, riferendo di essere stato «consigliato» in tal senso. Gli stessi personaggi, tutti conosciuti, che consigliarono al signor Minutiello di non conciliare con l'azienda, colsero l'occasione di tale spiacevole situazione del lavoratore per provocare una campagna stampa capillare contro Teknoservice.

Sulla sentenza del tribunale...

Sulla sentenza del Tribunale di Ivrea che intima il reintegro di Minutiello e il pagamento degli arretrati, da Teknoservice replicano:

Riteniamo ingiusto tale provvedimento. E’ in netto contrasto con il principio di contemperamento di due diritti costituzionalmente garantiti: da una parte il diritto al lavoro e alla salute, dall’altra il principio della libertà di impresa e di organizzazione da parte dell’imprenditore. Ciò nonostante, prima di procedere nei termini di legge all’opposizione verso la sentenza, la direzione di Teknoservice ha presentato telefonicamente all’avvocato di Minutiello una soluzione percorribile favorevole ad entrambi le parti con il reinserimento in azienda dello stesso dipendente. A tale proposta, l’avvocato rispose con una controproposta da parte nostra inaccettabile perché non prendeva minimamente in considerazione le esigenze dell'azienda stessa. E’ quindi evidente che Teknoservice non ha mai avuto atteggiamenti ostativi ad una soluzione bonaria della controversia, cercando una soluzione costruttiva per entrambe le parti. Ribadiamo la nostra disponibilità a favorire l’ingresso di Franco Minutiello alle condizioni già esposte, invitandolo a sottoporsi ad una visita da un ente medico terzo e super partes per valutare le condizioni odierne di salute e identificare una mansione che metta al sicuro il dipendente e l’azienda dai rischi derivanti dall’esercizio dell’attività lavorativa. Il comportamento assunto finora di indisponibilità a trattative concrete e di volontà di scontrarsi sul terreno mediatico rende una scelta necessaria la prosecuzione del giudizio in appello.