Menu
Cerca
commerciante denunciato

Cellulari di dubbia provenienza in un negozio torinese, sequestrati

Il commerciante non ha saputo fornire spiegazioni circa la provenienza.

Cellulari di dubbia provenienza in un negozio torinese, sequestrati
Cronaca Torino, 29 Aprile 2020 ore 10:58

500 telefoni cellulari di dubbia provenienza rinvenuti in un negozio torinese. Denunciato commerciante.

Cellulari di dubbia provenienza in un negozio torinese

È quello che ha scoperto la Guardia di Finanza di Torino in un esercizio commerciale nella zona nord della città.

La vicenda all’una circa della scorsa notte, quando un equipaggio del Gruppo Pronto Impiego Torino, impegnato nei consueti controlli del territorio, ha notato le insegne ancora accese di un negozio di telefonia e apparecchiature elettroniche nei pressi di Corso Palermo. All’interno oltre al titolare, alcuni clienti.

oltre 500 telefoni cellulari

Una volta all’interno, i Finanzieri hanno notato numerosi apparecchi telefonici senza confezionamento custoditi alla rinfusa dietro al bancone. Alla richiesta della documentazione della merce, il titolare non è riuscito a fornire alcuna giustificazione plausibile circa il possesso.

Esteso il controllo a tutto il punto vendita, i militari hanno così scoperto che il commerciante custodiva oltre 500 telefoni cellulari, tutti di dubbia provenienza e privi di qualsivoglia documentazione nel retrobottega del negozio. Un considerevole quantitativo è stato anche rinvenuto occultato nella toilette.

“Un regalo”

Alla richiesta di ulteriori spiegazioni l’uomo, un quarantenne di origini egiziane, ha sostenuto che i telefoni “…sono frutto di un regalo…”.

Le indagini della Guardia di Finanza ora proseguono per appurare la provenienza dei cellulari e se siano provento di furto o attività illecite.

I provvedimenti

Gli oltre 500 apparecchi telefoni sono stati sequestrati.

Il titolare del negozio, che è stato denunciato alla Procura della Repubblica per ricettazione, è stato sanzionato per l’inottemperanza ai provvedimenti attualmente in vigore a contrasto del COVID 19; l’attività commerciale è stata sospesa.

Condividi