Cronaca
Il bollettino

Contagi Covid19 nuovi casi nell'Eporediese

Aperto il Coc anche a Chiaverano. A Pavone salgono a tre in tutto.

Contagi Covid19 nuovi casi nell'Eporediese
Cronaca Ivrea, 20 Marzo 2020 ore 11:48

Contagi Covid19 nuovi casi nell'Eporediese.

Contagi Covid19

Si contano nuovi contagi Covid19 nell'Eporediese. Venerdì 20 marzo è stato aperto un altro Coc, questa volta il paese interessato è Chiaverano. Nel corso della settimana si sono già registrati  giovedì 19 a Strambino. Si è aggiunto mercoledì 18 anche Salerano.  Romano e Mercenasco, dove sono stati aperti i Coc il 17 marzo.  Poi a Palazzo Canavese.  Già il  16 si era registrato a Piverone. Prima ancora a Pavone (3), Banchette (2) a Andrate.

Coc a Chiaverano

"Abbiamo  avuto purtroppo conferma da parte del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica ASL TO4 di un primo caso di positività al coronavirus Covid -19 nei confronti di una nostra concittadina - comunica il sindaco - Questa Amministrazione si sta attivando per gestire al meglio l’emergenza adottando tutte le misure sanitarie necessarie, secondo quanto prescritto dai decreti emanati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel sottolineare ancora che il caso in esame è sotto il controllo completo dell’Autorità Sanitaria, rinnovo a ognuno l’invito a rimanere in casa e ad evitare ogni spostamento che non sia strettamente necessario. In conseguenza di ciò, è stato formalmente aperto il COC (Centro Operativo Comunale) per la gestione dell'emergenza presso gli uffici comunali (0125 54805). Il COC sarà attivo tutti i giorni dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 17. Al di fuori di questi orari sarà possibile contattare telefonicamente il Sindaco, il ViceSindaco o il Responsabile AIB ai numeri riportati nell'ordinanza".

Altri casi a Pavone

"Cari concittadini, questa sera ho avuto conferma da parte del Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL TO 4 che sono saliti a tre i casi di nostri concittadini risultati positivi al coronavirus - scrive il sindaco Endro Bevolo - I suddetti casi sono sotto il completo controllo dell' Autorità Sanitaria. Si rinnovava l'invito a restare a casa, nel rispetto delle indicazioni fornite dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri".