Cronaca
Verso la fase 2

A Cuorgnè avviato il progetto "10082 Ripartiamo insieme"

L’Assessore Russo recentemente ha organizzato il primo di una serie di incontri via skype con i commercianti.

A Cuorgnè avviato il progetto "10082 Ripartiamo insieme"
Cronaca Cuorgnè, 30 Aprile 2020 ore 15:47

A passi spediti verso la Fase 2. A Cuorgnè avviato il progetto "10082 - Ripartiamo insieme".

10082 Ripartiamo insieme

Le indicazioni del Sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto sono state chiare: risorse, velocità e fantasia, e così pur nella variabilità delle regole nazionali e regionali, già da due settimane amministratori e funzionari comunali stanno lavorando ad una serie di misure che possano supportare per quanto più possibile le attività economiche cittadine, mentre si continua a lavorare e sostenere l’ambito sanitario e sociale. L’Assessore alle attività produttive Carmelo Russo, coordina il progetto “10082 – Ripartiamo insieme” un contenitore nel quale verranno inserite tutte le opzioni fattibili, e non soltanto economiche, per dare sostegno alle attività commerciali.

Aiuto concreto

“A breve presenteremo un primo pacchetto che abbiamo elaborato facendo squadra con i diversi assessorati coinvolti e che dovranno essere integrati con le misure Nazionali e Regionali. Il progetto “10082 Ripartiamo insieme” deve diventare il luogo per individuare “insieme” agli operatori economici della Città delle nuove soluzioni per il breve ma anche per il medio periodo, non soluzioni statiche ma dinamiche e in evoluzione” commenta l’Assessore che recentemente ha organizzato il primo di una serie di incontri via skype con i commercianti.

L'unione fa la forza

“Dobbiamo essere uniti, fare squadra e per quanto possibile partendo da questo momento di forte criticità trovare quello spirito di solidarietà, coesione e innovazione indispensabile per pensare al domani” conclude l’Assessore Russo “da subito ho percepito uno spirito di collaborazione e condivisione da parte di tutti e questo non può che farmi piacere. Le prime azioni non potranno certamente risolvere tutte le criticità, e dovranno tenere conto anche della mobilità e della necessaria sicurezza per i cittadini, ma siamo tutti sulla stessa barca e remiamo tutti nello stesso senso, e ribadisco non saranno soltanto di tipo economico”. A giorni quindi verrà messo in campo il primo pacchetto di soluzioni per provare a dare risposta ad una domanda di aiuto che in tutta la Nazione si sta alzando drammaticamente da parte di coloro che sono l’ossatura dell’economica nazionale.