Menu
Cerca

Fiera dell’Annunziata: ecco date e programma

In piazza Vittime dell'Ipca le macchine e attrezzature delle aziende agricole locali.

Fiera dell’Annunziata: ecco date e programma
Ciriè, 16 Febbraio 2018 ore 19:02

Fiera dell’Annunziata: ecco date e programma. CIRIE’.

Fiera dell’Annunziata: ecco date e programma

Decise le date della fiera dell’Annunziata: sarà il 24 e 25 marzo. Coldiretti e Comune sono già al lavoro. E, dopo la firma del protocollo di intesa, lo scorso anno, tra i due enti, l’associazione di agricoltori coordinata da Piermario Barbero, ha già pronto il programma. “Obiettivo del protocollo di intesa firmato lo scorso anno era quello di valorizzare sempre di più l’agricoltura. – spiega Barbero – Per questo, l’assessore Buratto ha deciso di affidare a noi l’organizzazione della parte agricola dell’evento.

In via Rosmini e piazza Vittime dell’Ipca

Vale a dire, la zona di via Rosmini, per quanto concerne i produttori del mercato a Km0 e piazza Vittime dell’Ipca. Dove trovano collocazione animali e mezzi agricoli, sistemati nel viale di corso Martiri della Libertà. Rispetto alla fiera autunnale dove i macchinari agricoli sono messi in mostra dai commercianti del settore, nella fiera primaverile, le protagoniste saranno le aziende agricole della zona. Con i loro mezzi. Per il resto, la fiera rimarrà con il format di tutti gli anni, gestita dal Comune. Siamo soddisfatti di poter lavorare con il Comune allo scopo di dare sempre più vocazione agricola ad un evento che è nato proprio per questo.

Pugliesi: “Ottimo lavoro con la Coldiretti”

Qualche anticipazione della fiera arriva anche dall’assessore al Commercio Alessandro Pugliesi. “Grazie al lavoro di Coldiretti e dell’assessore all’Agricoltura Aldo Buratto siamo riusciti a fare una programmazione ricca per quanto concerne la fiera primaverile – annuncia – Il format resta lo stesso per quanto concerne la parte commerciale, crescerà quella agricola, così come è l’obiettivo da raggiungere insieme a Coldiretti. Bella anche questa collaborazione che si è venuta a creare suddividendo i compiti organizzativi”.

Condividi