Menu
Cerca

Fingono separazione per ottenere l’assegno sociale: denunciati

Due coniugi si separano fittiziamente per ottenere un assegno sociale mensile che è destinato, normalmente, a sostenere chi non ha alcun reddito familiare. La Guardia di Finanza di Torino, ha denunciato una coppia settantenne, M.L. e B.E, le loro iniziali, che, inscenando una separazione sono riusciti, per oltre tre anni a percepire, senza averne diritto, un “assegno sociale“, frodando lo Stato e togliendo risorse a chi ne ha realmente bisogno.

Fingono separazione per ottenere l’assegno sociale: denunciati
Cronaca 16 Ottobre 2017 ore 09:38

Due coniugi si separano fittiziamente per ottenere un assegno sociale mensile che è destinato, normalmente, a sostenere chi non ha alcun reddito familiare. La Guardia di Finanza di Torino, ha denunciato una coppia settantenne, M.L. e B.E, le loro iniziali, che, inscenando una separazione sono riusciti, per oltre tre anni a percepire, senza averne diritto, un “assegno sociale“, frodando lo Stato e togliendo risorse a chi ne ha realmente bisogno.

Due coniugi si separano fittiziamente per ottenere un assegno sociale mensile che è destinato, normalmente, a sostenere chi non ha alcun reddito familiare. La Guardia di Finanza di Torino, ha denunciato una coppia settantenne, M.L. e B.E, le loro iniziali, che, inscenando una separazione sono riusciti, per oltre tre anni a percepire, senza averne diritto, un “assegno sociale“, frodando lo Stato e togliendo risorse a chi ne ha realmente bisogno. La donna ha dichiarato falsamente di essere separata e di non disporre di alcun reddito proseguendo di fatto il rapporto di coniugio con il marito, tra l’altro titolare di pensione di invalidità civile. Inoltre la coppia di “fatto” non se la passava poi così male visto che erano intestatari di vari conti correnti, di terreni e di una villa. Le indagini della Guardia di Finanza di Susa hanno accertato come M.L. continuava a vivere con il marito nella villetta di proprietà in Val Sangone di quest’ultimo e non nella casa fatiscente abbondonata in una frazione dichiarata come sua residenza.   I due coniugi sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Torino per truffa aggravata.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli