Ivrea

Fondazione Natale Cappellaro, si “candida a gestire il Visitor Center Unesco

Si è riunito a inizio luglio il Cda discutendo varie questioni

Fondazione Natale Cappellaro, si “candida a gestire il Visitor Center  Unesco
Ivrea, 19 Luglio 2020 ore 00:52

Fondazione Natale Cappellaro, si “candida a gestire il Visitor Center Unesco.

Fondazione Natale Cappellaro

Si è riunito a inizio luglio il Cda della Fondazione Natale Cappellaro. In apertura dei lavori il presidente Luciano Iorio ha sottolineato il lavoro svolto in questi ultimi mesi e in particolare dal gruppo interno. È stato firmato l’accordo con la società Icona che prevede il trasferimento del museo Tecnologic@mente in uno spazio di circa 800 metri quadrati nell’ex stabilimento adiacente al Pino. L’architetto Mirti di Milano e lo Studio Carrara di Ivrea hanno elaborato un primo progetto. Sono state definite le linee guida del concept che prevede centro servizi, esposizione museale, laboratori e formazione, restauro, eventi culturali e di networking, comunicazione web, contributo alle sedi istituzionali del territorio. Il tutto con l’aggiornamento di tecnologie, metodologie e qualità del lavoro, come del resto avviene in tutte le organizzazioni che intendono sopravvivere ai cambiamenti. La Fondazione rimane ora in attesa di poter disporre dei locali al fine di provvedere all’allestimento e al trasferimento dei materiali.

Il Visitor Center Unesco

Inoltre è stata espressa la disponibilità e l’interesse a partecipare al bando per la gestione del Visitor Center per l’area Unesco. «Consapevole che, anche a causa dei gravi danni alle attività seguiti alla diffusione della Pandemia – si legge nella nota stampa sulla riunione – il progetto di ampliamento degli spazi e il miglioramento dei servizi offerti necessita di una intensa interlocuzione con il Governo Nazionale, la Regione Piemonte, il Comune di Ivrea, le Fondazioni bancarie, Confindustria e le organizzazioni degli imprenditori e dei lavoratori, le Università e i Politecnici – nonché i soggetti privati che vorranno contribuire al progetto». Tant’è che il presidente ha ringraziato le istituzioni del territorio per la fruttuosa collaborazione e tutti coloro che hanno offerto il proprio contribuito alle attività. Sempre Iorio ha infine richiesto un impegno straordinario ai consiglieri, necessario per portare a termine con successo la difficile sfida posta dal superamento della «chiusura» e dall’insediamento della nuova sede.

Le deleghe nel Cda

Per questo ha proposto e ottenuto con l’approvazione del Cda la distribuzione di alcune deleghe: a Iorio quella per il progetto della nuova sede; relazioni esterne e istituzionali al responsabile di Roma, Giuseppe Rao; comunicazione e marketing a Gaetano di Tondo; risorse umane e organizzazione a Gianni Cucco; bandi pubblici e investimenti privati a Marco Dellarole; missione, innovation e digital a Marco Salvetti; didattica a Reginaldo Palermo; rapporti con l’Università a Roberto Cavallo Perin; rapporti con i Politecnici e la Repubblica Popolare Cinese a Giuliano Noci. Al termine della discussione – che ha registrato una unanime condivisione dei programmi di lavoro – il presidente ha informato che il Cda, qualora vi sia stata una approvazione dello statuto, verrà riconvocato entro la fine del mese al fine di provvedere agli adempimenti in esso previsti, a partire dall’approvazione del Bilancio 2019.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità