Cronaca
15 marzo

Giornata Nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare, installata panchina lilla davanti all’ingresso dell’Ospedale di Lanzo

Nel 2020 il Centro si è preso cura di n. 73 giovani con le loro famiglie, per un totale di 2.390 interventi.

Giornata Nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare, installata panchina lilla davanti all’ingresso dell’Ospedale di Lanzo
Cronaca Lanzo e valli, 16 Marzo 2021 ore 00:59

15 marzo X Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla contro i disturbi del comportamento alimentare: posa di una panchina lilla davanti all’ingresso dell’Ospedale di Lanzo, sede del Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare dell’ASL TO4.

Giornata Nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare

Ieri mattina, lunedì 15 marzo, in occasione della X Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla contro i disturbi del comportamento alimentare, è stata effettuata la posa di una panchina lilla davanti all’ingresso dell’Ospedale di Lanzo, sede del Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) dell’ASL TO4, diretto dalla dottoressa Mari Ela Panzeca.

Per chi non ce l'ha fatta

“In tutta Italia – riferisce il Presidente dell’Associazione “In Punta di Cuore OdV”, Gianluigi Berta, Associazione che collabora con il Centro DCA dell’ASL TO4 – la posa e l'adozione della panchina lilla vuole con forza ricordare chi non ce l’ha fatta per assenza di cure, chi non c’è più, chi c’è e vuole essere visibile. Per noi vuole anche dire che un luogo dove essere riconosciuti e accolti è possibile. La nostra panchina, oltre al nome dell’Associazione, porterà la scritta «Qui si coltivano sogni», perché questo è ciò che il Centro DCA dell’ASL TO4 fa, coltiva i sogni delle persone per permettere loro di uscire da una patologia che non lascia spazio, offre uno spiraglio, una tregua al dolore che permette, con tanto aiuto, di ritrovare la fiducia per tornare a vivere”.

I numeri

In Italia sono 3 milioni i giovani che soffrono di disturbo del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata) e queste malattie, che rappresentano la seconda causa di morte nella popolazione giovanile, costituiscono una vera e propria silenziosa epidemia sociale. Proprio per questo, il Centro DCA dell’ASL TO4 è stato ed è operativo in questo periodo di emergenza sanitaria da Covid-19, garantendo un percorso in sicurezza per l’accesso e procedure appropriate di contenimento del virus Sars-CoV-2, perché i giovani di cui si prende cura il Centro non avrebbero trovato sostegno altrove. Nel 2020 il Centro si è preso cura di n. 73 giovani con le loro famiglie, per un totale di 2.390 interventi.

Impegno comune

Commenta il Commissario dell’ASL TO4, dottor Luigi Vercellino: “La sinergia tra il nostro Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare e l’Associazione In Punta di Cuore è preziosa, perché è necessario combattere queste malattie insieme alle Famiglie e alla Comunità, oltre che con le Scuole e con le altre Istituzioni. La volontà dell’Associazione In Punta di Cuore di posizionare la panchina lilla all’ingresso del Presidio ospedaliero di Lanzo, dove ha sede il nostro Centro DCA, ci fa molto piacere, perché rappresenta il simbolo dell’impegno comune”.

“…Il gesto di offrire una sedia è importante…equivale ad offrire una tregua a ciò che tormenta…” (tratto da “La forza delle formiche. Disturbi alimentari: l’esperienza di un modello che cura” di Mari Ela Panzeca)