Botta e rispostra tra le parti

Il reparto Geriatria non è stato mai chiuso per ferie

L'Amministrazione comunale di Cuorgnè replica dopo aver sentito la direzione del nosocomio.

Il reparto Geriatria non è stato mai chiuso per ferie
Alto Canavese, 08 Agosto 2020 ore 11:27

La polemica aveva alimentato nelle settimane scorse la vita amministrativa cuorgnatese. Il reparto Geriatria non è stato mai chiuso per ferie.

Il reparto Geriatria non è stato mai chiuso per ferie

L’ospedale di Cuorgnè, e in particolare il reparto Geriatria, sono stati al centro dell’attenzione del penultimo Consiglio comunale e della Prima Commissione Affari Istituzionali presieduta dal consigliere, Giovanna Cresto. Ad animare la sala l’intervento dell’opposizione riguardo il nosocomio altocanacesano.

Le parole del consigliere Giovanna Cresto

«Nel corso della riunione il consigliere Giancarlo Vacca Cavalot mi ha domandato se il reparto di geriatria dell’ospedale di Cuorgnè era stato chiuso per ferie – spiega Cresto – Gli ho comunicato che il 25 luglio avevo preso parte, insieme al sindaco Giuseppe Pezzetto ed al consigliere comunale e regionale Mauro Fava ad un incontro presso l’Ospedale di Cuorgnè con il referente del nosocomio dottor Calogero Addamo ed il direttore della Direzione medica ospedaliera Ivrea-Cuorgnè, Alessandro Girardi. Dall’incontro non erano emerse criticità rispetto al reparto di geriatria».

Confronto diretto con i responsabili del nosocomio

Mercoledì 29 luglio in assise, Giovanna Cresto ha puntualizzato: «Mi sono nuovamente confrontata con Addamo, il quale mi ha confermato che nessun reparto del nostro ospedale è mai stato chiuso per ferie. Geriatria è stato l’ultimo reparto, in ordine di tempo, ad ospitare pazienti Covid. L’ultimo paziente, fortunatamente dopo un decorso positivo della malattia, è stato dimesso all’inizio del mese di luglio. In seguito alle dimissioni del paziente il reparto è stato sottoposto ad opportuna sanificazione e riorganizzazione. Nelle more si è scelto di allocare tutti i pazienti che necessitano di ricovero nei reparti di medicina e lungodegenza anziché in geriatria, per ragioni organizzative interne e di gestione del personale. Addamo mi ha altresì confermato che è garantita un’assistenza ottimale a tutti coloro che si rivolgono al nostro ospedale e nessun paziente è stato respinto o trasferito altrove senza motivo.

Pazienti distribuiti in altri reparti per la sanificazione

“Parte del personale di quel reparto è allocato presso gli altri esistenti, proprio per garantire il medesimo standard di assistenza ed il medico geriatra è regolarmente in servizio e presente presso il nostro ospedale. Mi permetto però di ricordare che la distribuzione dei pazienti all’interno dei reparti dell’ospedale non compete assolutamente all’amministrazione comunale ma è demandata esclusivamente alle scelte organizzative interne dell’Asl. Questa Amministrazione sta lavorando quotidianamente al potenziamento dei servizi resi dall’ospedale di Cuorgnè e in quest’ottica si inseriscono il sopralluogo che si è svolto la scorsa settimana presso l’ospedale stesso e, da ultimo in ordine di tempo, l’incontro avvenuto con l’assessore regionale alla sanità Luigi Icardi, alla presenza di Girardi e Addamo”.

Le precisazioni dell’Asl To-4

Sulla vicenda dall’Asl To-4 precisano che: «La Geriatria dell’Ospedale di Cuorgnè è rimasta Reparto Covid fino al 2 luglio scorso, quando la situazione epidemiologica ha permesso di chiudere i Reparti Covid. All’Ospedale di Cuorgnè è stato mantenuto, presso la Day Surgery, un Reparto dedicato all’isolamento delle persone in attesa dell’esito del tampone. La chiusura temporanea della Geriatria-Reparto Covid ha permesso di poter fare fruire le ferie estive agli operatori che hanno lavorato con grande abnegazione durante la fase acuta dell’emergenza sanitaria in atto. A settembre la Geriatria riaprirà nella sua funzione istituzionale, qualora la situazione epidemiologica lo consenta».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità