la sentenza

La Regione Piemonte condannata per i criteri di concessione delle case popolari: troppi documenti chiesti agli stranieri

Il Tribunale di Torino, infatti, ha emesso una sentenza e accolto il ricorso presentato dall'Asgi (Associazione degli studi giuridici sull'immigrazione).

La Regione Piemonte condannata per i criteri di concessione delle case popolari: troppi documenti chiesti agli stranieri
Cronaca Torino, 28 Luglio 2021 ore 05:54

La Regione Piemonte, guidata dal maggio 2019 dal presidente Alberto Cirio, è stata condannata per aver imposto, nella realtà delle cose, lo slogan che tanto è piaciuto agli elettori di destra: "Prima gli italiani".

La Regione Piemonte condannata per i criteri di concessione delle case popolari

Il Tribunale di Torino, infatti, ha emesso una sentenza e accolto il ricorso presentato dall'Asgi (Associazione degli studi giuridici sull'immigrazione) contro la Regione Piemonte e il Comune di Torino, riguardante i requisiti d'accesso agli alloggi di edilizia popolare per i cittadini extracomunitari.

La Regione non ha alcun diritto, dunque, ad imporre ai cittadini stranieri extracomunitari che chiedono una casa popolare documenti aggiuntivi e praticamente impossibili da recuperare, rispetto ai cittadini italiani o comunitari.

Le parole del Giudice

"La circostanza che impone un onere aggiuntivo ai cittadini stranieri, in ragione esclusiva della loro condizione di stranieri, costituisce una discriminazione diretta a danno degli stessi, non essendo ragionevole una ripartizione degli oneri documentali, inerenti le proprietà situate all'estero, basata sulla diversa cittadinanza".

Reazioni politiche

Sulla questione case popolari è intervenuta la consigliera regionale del Partito Democratico, Monica Canalis, che siede nei banchi dell'opposizione:

"Per fare domanda di casa popolare, in Piemonte è necessario attestare l’assenza di proprietà immobiliari in Italia e all’estero. Con una nota del 14 novembre 2019, l’assessore regionale Caucino ha introdotto una distinzione tra italiani e stranieri: gli italiani possono esibire la sola dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, attestante l’assenza di proprietà immobiliari, mentre agli stranieri (cittadini extra Ue), viene chiesta un’apposita certificazione rilasciata dalle autorità dei Paesi d’origine e poi legalizzata, senza tener conto delle carenze e lentezze amministrative di questi Paesi e delle condizioni di scarso benessere dei richiedenti”.

Gli fa eco anche il consigliere Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali-Verdi:

“Il diritto alla casa è di tutti e tutte. Viene prima chi ha bisogno, non gli italiani. Ora la Regione dovrà valutare quelle domande come tutte le altre e ammettere direttamente al beneficio coloro che hanno i requisiti. Il Comune di Torino dovrà revocare l’avviso pubblico con cui ha chiesto ai cittadini straniere di presentare documenti aggiuntivi. Il Tribunale di Torino mette la parola fine a questo assurdo cavillo discriminatorio“.