Mauro Fava presidente della Commissione Trasporti del Consiglio regionale

Fava: «Seguirò da vicino tutte la criticità sulla rete di bus e treni, a cominciare dalla Canavesana».

Mauro Fava presidente della Commissione Trasporti del Consiglio regionale
Rivarolo, 15 Luglio 2019 ore 13:57

Mauro Fava presidente della Commissione Trasporti, Infrastrutture e Lavori Pubblici del Consiglio regionale. «Seguirò da vicino tutte la criticità sulla rete di bus e treni, a cominciare dalla Canavesana»

Nuovo incarico per Mauro Fava

Il consigliere della Lega cuorgnatese Mauro Fava è stato nominato presidente della Commissione Trasporti, Infrastrutture e Lavori Pubblici di palazzo Lascaris. "Sono molto soddisfatto e onorato per questa nomina. Analizzerò da subito la situazione, verificando il lavoro svolto nella scorsa legislatura, senza preconcetti: bisogna portare avanti quanto eventualmente di buono è stato fatto a prescindere dal colore politico" commenta il consigliere regionale.

Commissione trasporti, infrastrutture e lavori pubblici

"Il mio ruolo sarà quello di collaborazione con l’assessore ai Trasporti, per intervenire efficacemente e rapidamente laddove necessario per migliorare le condizioni di tutti i pendolari piemontesi - aggiunge Mauro Fava - A cominciare da quelli canavesani, che da troppo tempo stanno facendo i conti con disagi e problemi inaccettabili. E proprio a tal proposito, abbiamo già concordato un’ispezione a sorpresa sulla linea dell’Sfm1, sulla scorta di quanto fatto sui convogli della Torino-Milano, per constatare di persona le criticità che sono state sollevate a più riprese dal comitato pendolari".

Problemi della Canavesana

"A tale ispezione seguirà poi un momento di confronto e informazione con gli amministratori locali e gli utenti, a cui spero di portare anche i responsabili di Rfi e Trenitalia: l’obiettivo è fissare con chiarezza e trasparenza una road map di interventi, perché chi utilizza la linea e paga regolarmente il biglietto o l’abbonamento ha il diritto di essere informato su modalità e durata degli interventi. Non può essere lasciato nel limbo com’è successo sinora. Al contempo, ma questo vale per tutte le linee su ferro e gomma, bisognerà individuare una strategia più efficace per contrastare l’abusivismo" conclude il consigliere regionale.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter