Menu
Cerca
Viabilità

Messa in sicurezza delle strade in Canavese: pioggia di contributi sui paesi

Gli interventi sono previsti a Forno, Ozegna e Sparone

Messa in sicurezza delle strade in Canavese: pioggia di contributi sui paesi
Cronaca Alto Canavese, 17 Gennaio 2021 ore 10:59

Messa in sicurezza delle strade in Canavese: pioggia di contributi sui paesi.

Messa in sicurezza

Importanti finanziamenti arrivano dalla Città metropolitana di Torino che serviranno a realizzare una serie di interventi di messa in sicurezza delle strade del territorio provinciale. Buone notizie giungono anche sul fronte canavesano, dove sono stati 4 i comuni della cosiddetta area omogenea 8, tra i quali vi sono le realtà di Forno, Ozegna e Sparone, ad essere «premiati». Questi soldi, parte dei 5 milioni che l’ente ha messo a disposizione in occasione di tale bando speciale, che si è svolto con la formula del «click day» il 21 e 22 dicembre, nonché all’indomani di un esame complessivo delle 169 candidature avanzate (progetti per un ammontare di 7 milioni 653mila 883 euro), permetteranno a queste amministrazioni di realizzare alcuni lavori che erano attesi da tempo.

Nuove asfaltature e dossi

Nell’analizzare le iniziative proposte dai Comuni canavesani che hanno ottenuto i finanziamenti partiamo da Forno, dove l’importo previsto nel complesso è di 220mila euro. «Di questi 45mila saranno messi dal nostro Municipio – precisa il sindaco Alessandro Gaudio – I lavori riguarderanno l’asfaltatura della strada che parte dai confini con Rivara sino ad arrivare alla rotonda che porta alla volta della Circonvallazione. In questa seconda strada, invece, è prevista pure una serie di interventi all’illuminazione, nonché la realizzazione di  4 attraversamenti pedonali rialzati, ma anche la costruzione di circa un centinaio di metri di nuovi marciapiedi».

Si allarga la Provinciale 51

In quel di Ozegna una delle richieste che l’Amministrazione guidata dal sindaco Sergio Bartoli chiedeva da tempo è finalmente stata accolta e finanziata. Si tratta dell’allargamento della Provinciale 51, per una lunghezza di circa 450 metri, posta  in uscita dalla zona industriale del paese e purtroppo negli anni teatro di diversi incidenti, più o meno gravi. Le dimensioni limitate della carreggiata, infatti, avevano portato a diverse uscite di strada sia di mezzi pesanti che di autovetture, ma anche di scontri frontali abbastanza violenti. Bartoli ed il suo gruppo avevano da tempo fatto richiesta per un adeguamento, che finalmente verrà realizzato. Costo dell’operazione: 200 mila euro. «E’ una piccola ma importante vittoria – sottolinea il borgomastro – perché da tempo ci battevamo per migliorare questo tratto. Vedremo cosa si potrà fare con tale cifra, sperando che anche il resto delle richieste fatte negli ultimi anni possano trovare accoglimento».

Via la strettoia di Calsazio

Infine, in Valle Orco è in programma l’ennesimo importante lavoro di allargamento della ex statale «460», che faciliterà ancor di più il traffico alla volta delle nostre belle montagne. Nel territorio di Sparone, infatti, sarà finalmente allargata la strettoia che è sita in località Calsazio, per una lunghezza di circa 250 metri. In questo caso l’intero importo dell’opera è pari a 180mila euro. «Era un progetto che avevamo nel cassetto da un po’ di tempo e siamo felici che abbia trovato l’approvazione – spiega la sindaca sparonese, Maria Laura Nugai – Oltre all’allargamento del tratto stradale che è all’inizio della frazione, arrivando dal paese, verrà pure realizzato un nuovo attraversamento idraulico al di sotto del manto stradale. Questo è necessario visto che purtroppo in occasione di forti precipitazioni si formano grandi pozze d’acqua, con presenza di fango e detriti, che rischiano di mettere in pericolo l’incolumità di chi transita in quella zona».