Cronaca
san benigno

Nei giorni scorsi l'ultimo saluto a Battista Aghemo

Il tesoriere emerito dell’associazione Amici di Fruttuaria aveva 91 anni.

Nei giorni scorsi l'ultimo saluto a Battista Aghemo
Cronaca Volpiano, 01 Novembre 2020 ore 12:25

Nei giorni scorsi l'ultimo saluto a Battista Aghemo, tesoriere emerito dell’associazione Amici di Fruttuaria.

Nei giorni scorsi l'ultimo saluto a Battista Aghemo

Sono giorni di profondo cordoglio e lutto per la popolosa comunità di San Benigno Canavese, ancora scossa dal terribile omicidio della conosciuta e stimata Ermanna Pedrini. Giovedì 22 ottobre, invece, il paese ha salutato per l’ultima volta una delle sue figure storiche. Si sono svolti presso la chiesa abbaziale i funerali di Battista Aghemo, 91 anni, tesoriere emerito dell’associazione Amici di Fruttuaria. Aghemo lascia l’amata moglie Elvira, le figlie Mara e Daniela, la sorella Giovanna e gli adorati nipoti, Andrea, Luca, Elena e la piccola Carlotta.

Il saluto del presidente degli Amici di Fruttuaria

Durante la funzione, un affettuoso saluto al tesoriere è giunto dal presidente degli Amici di Fruttuaria, Marco Notario. «Puntuale spostava e rimetteva il tappeto per far vedere i mosaici, preciso segnava il numero dei visitatori, teneva la contabilità della biglietteria, ordinava il flusso dei visitatori. Con il suo stile distinto e signorile. Siamo lieti che quella che per molto tempo è stata la “sua Fruttuaria” possa dargli con commozione l’ultimo saluto. Come Sanbenignese – conclude Marco Notario - gli sono parimenti grato per essere stato per oltre 50 anni la “memoria storica” di San Benigno, l’archivio della nostra vita cittadina con le sue foto e i suoi documenti. Che questo patrimonio di memorie non vada disperso».

L'addio di don Paolo

Gratitudine e ringraziamento anche nelle parole del parroco sanbenignese don Paolo Audisio Di Somma che ha ricordato Battista Aghemo proprio per il suo attivismo nelle realtà sociali, religiose, civili, folkloristiche ed associative del piccolo borgo canavesano. San Benigno Canavese perde così uno dei suoi pilastri storici, archivio e memoria del ricco passato del paese basso canavesano.