No Amazon singolare protesta in maschera

I partecipanti si sono ironicamente presentati mascherati da Jeff Bezos.

No Amazon singolare protesta in maschera
Cronaca Torino, 13 Dicembre 2020 ore 09:00

No Amazon singolare protesta tornano a ‘colpire’ le Mascherine Tricolori in centro a Torino.

No Amazon singolare protesta

Tornano a “colpire” le Mascherine Tricolori in centro a Torino per ribadire il loro invito ad acquistare nei negozi della città e non su Amazon. Questa volta i partecipanti si sono ironicamente presentati mascherati da Jeff Bezos.

Il ghigno di Jeff Bezos

“Il ghigno di Jeff Bezos, che abbiamo ironicamente voluto portare sulle nostre maschere, è l’emblema di come il governo stia trattando i tanti commercianti che da anni pagano tasse su tasse e stanno fallendo, mentre permettono a piattaforme come Amazon di arricchirsi senza pagare le tasse. – hanno affermato gli attivisti – Ricordiamo che Jeff Bezos, approfittando della crisi sanitaria, ha incrementato il suo patrimonio personale che oggi si aggira intorno ai 200miliardi di dollari, rendendolo l’uomo più ricco al mondo. Per questo, con la nostra azione di oggi, rinnoviamo il nostro fermo invito per queste feste, ma anche nella vita normale, ad acquistare nei negozi della nostra città così da sostenere tutte quelle famiglie che rischiano di rimanere senza un reddito.”

4 foto Sfoglia la gallery

Compriamo Canavese

Per contro, si moltiplicano le iniziative a favore del territorio. Come quella del Gruppo Turismo, Cultura e Sport di Confindustria Canavese, l’Agenzia per lo Sviluppo del Canavese con il proprio Pool di “Prodotto in Canavese” (raggruppamento di produttori agroalimentari) e il Consorzio Tutela Vini D.O.C. Caluso Carema Canavese hanno lanciato insieme l’iniziativa “Regaliamo il Canavese”, rivolgendo un invito a tutti i canavesani, agli enti e alle imprese locali perché a Natale scelgano di regalare prodotti dell’enogastronomia, dell’artigianato e dei beni di consumo realizzati in Canavese, ma anche tour, soggiorni ed esperienze turistiche nel nostro bellissimo territorio. Il tutto per un regalo un regalo “made in Canavese”. E sarà sicuramente molto gradito e potrà essere un modo importante per sostenere l’economia locale e per aiutare artigiani e piccoli imprenditori a superare le difficoltà che l’emergenza sanitaria sta imponendo.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità