Cronaca
la denuncia

Psicosi da Coronavirus, ragazza costretta a scendere dal bus perché cinese

Psicosi da Coronavirus, ragazza costretta a scendere dal bus perché cinese
Cronaca Cuorgnè, 04 Febbraio 2020 ore 17:23

Un episodio simbolo di una psicosi in atto: una giovane ragazza di origini cinesi stava viaggiando regolarmente su un bus che da Cuneo avrebbe dovuto portarla a Torino, quando è stata obbligata a scendere dai passeggeri poiché la sua presenza – naturalmente causata dalle sue origini apparenti – non sarebbe stata gradita. Un fenomeno, questo, già etichettato quale razzista. Lo riportano i colleghi del giornaledicuneo.it

Ragazza costretta a scendere dal bus perché cinese

La giovane non ha sporto formale denuncia ma la vicenda è stata denunciata da alcuni membri della comunità cinese del capoluogo piemontese direttamente al sindaco Chiara Appendino. Secondo quando riportato dagli stessi membri, la giovane donna era stata obbligata a scendere dall’autobus. La giovane, non conoscendo bene l’italiano, non avrebbe neanche avuto modo di rispondere, vedendosi costretta ad abbandonare la corsa contro la sua volontà. Il motivo? I suoi occhi a mandorla e l’inequivocabile origine cinese. Una vera e propria discriminazione, totalmente irrazionale e priva di fondamento.

La denuncia del sindaco Appendino

A rendere pubblica la notizia è stata proprio la prima cittadina, che ha così commentato:

“Mi è stato evidenziato il caso di una ragazza che è stata fatta sentire persona non gradita e spinta a scendere da un autobus. A Torino non abbiamo avuto altri episodi di razzismo e di questo voglio ringraziare i torinesi, ma ci sono indicazioni chiare dal ministero della Salute per quanto riguarda il Coronavirus, invitiamo tutti i torinesi a informarsi e a seguirli, ma non cadiamo nel tranello della paura che crea solo muri di diffidenza e psicosi di cui non abbiamo bisogno”.