lutto

San Benigno piange Mariagiulia Baudino

La "sua" scuola Don Felice Verulfo si è attivata per continuare a sostenere un progetto a lei molto caro per la costruzione di un pozzo per l’acqua nelle terre del Sahel in Africa.

San Benigno piange Mariagiulia Baudino
Cronaca Alto Canavese, 06 Febbraio 2021 ore 12:27

San Benigno piange Mariagiulia Baudino, sempre impegnata e divisa tra la famiglia e la scuola Don Felice Verulfo, personaggio molto conosciuto e amato in paese.

San Benigno piange Mariagiulia Baudino

«Sfrecciava per le strade di San Benigno sempre in sella alla sua bici per sbrigare mille faccende e solo all'asilo la parcheggiava». Il paese commosso e scosso ricorderà per sempre così Mariagiulia Baudino, 74 anni, scomparsa improvvisamente la scorsa settimana dopo una vita trascorsa a fare del bene. Una donna sempre impegnata e divisa tra la famiglia e la scuola Don Felice Verulfo alla quale nei suoi molti anni di attività aveva dedicato amore, tempo e cuore. La ricordano con affetto le insegnanti e i bambini che avevano imparato a riconoscerla come punto di riferimento per qualsiasi esigenza. Partecipava regolarmente, volentieri e con entusiasmo alle iniziative del paese ed era sempre pronta ad aiutare il prossimo.

Il ricordo della "sua" scuola

«Quella della sua scomparsa è una notizia disarmante, inaspettata e sicuramente difficile da superare» raccontano dalla scuola. «Non sarà semplice – aggiungono - fare a meno di lei, con il suo esser precisa puntuale e sempre col sorriso ogni volta che varcavamo la porta della segreteria. Svolgeva le sue mansioni con passione, infondeva serenità, aveva sempre a cuore i bimbi e attenzione per i genitori».

Tanti i messaggi di cordoglio

Purtroppo Mariagiulia non potrà tornare nella scuola che amava e nella quale tutti ricambiavano il suo affetto, come testimoniato dai tanti messaggi di cordoglio giunti in questi giorni. In molti hanno preso parte all’ultimo saluto sabato mattina nella chiesa abbaziale. Mariagiulia lascia il marito Alessandro, i figli Laura ed Angelo, i nipoti e il fratello Attilio.

Un pozzo per l’acqua nelle terre del Sahel in Africa

La scuola Don Felice Verulfo si è attivata per continuare a sostenere un progetto a lei molto caro per la costruzione di un pozzo per l’acqua nelle terre del Sahel in Africa: le donazioni in busta chiusa potranno essere lasciate anche in forma anonima nella buca delle lettere dell’istituto. Il sogno di Mariagiulia proseguirà dunque mentre di lei rimarrà un dolce ricordo nel cuore di chi ha avuto la fortuna di conoscerla.