Menu
Cerca
Il Caso

Scorie nucleari: più tempo per i Comuni per le osservazioni alla Cnapi

Le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato un emendamento, a firma Fornaro, che dà ai Comuni 180 giorni, anziché 60.

Scorie nucleari: più tempo per i Comuni per le osservazioni alla Cnapi
Cronaca Ivrea, 21 Febbraio 2021 ore 17:53

Deposito scorie nucleari, più tempo per i Comuni per le osservazioni alla Cnapi.

Scorie nucleari, più tempo ai Comuni per le osservazioni alla Cnapi

Approvato alla Camera un emendamento che proroga da 60 a 180 giorni il termine per la presentazione delle osservazioni alla Carta dei siti individuati come potenzialmente idonei ad ospitare il Deposito nazionale e il Parco Tecnologico. Marnati: “Ascoltate le richieste di Enti locali e Regioni”. Più tempo per produrre osservazioni. Lo avevano chiesto a gran voce i Comuni nel corso degli incontri informativi del Tavolo per la trasparenza e partecipazione nucleare, convocato dall’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati, per la presentazione della Cnapi, la Carta Nazionale dell’aree potenzialmente idonee – pubblicata da Sogin il 5 gennaio scorso con il nulla osta del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente – ad ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e il Parco Tecnologico.

Ascoltate le richieste

Le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato un emendamento, a firma Fornaro, che dà ai Comuni 180 giorni, anziché 60, per produrre le loro osservazioni in merito al deposito nazionale delle scorie nucleari. “Sono state ascoltate le richieste di Enti locali e Regioni”, commenta l’assessore Marnati. In Piemonte sono 8 le zone individuate di cui 6 in provincia di Alessandria (Oviglio, Castelletto Monferrato-Alessandria-Quargnento, Fubine-Quargnento, Bosco Marengo-Frugarolo, Castelletto Bormida-Sezzadio e Bosco Marengo-Novi) e due in provincia di Torino (Caluso-Mazzè-Rondissone e Carmagnola). Il seminario nazionale, propedeutico alla stesura della nuova carta, si svolgerà dopo 240 giorni, e non 120.