trasporti

Sfm1 linea Canavesana, col passaggio a Trenitalia salasso sui biglietti: aumento oltre il 60%

Avetta (PD): "Se fosse confermato sarebbe una ‘epocale’ presa in giro di pendolari e sindaci".

Sfm1 linea Canavesana, col passaggio a Trenitalia salasso sui biglietti: aumento oltre il 60%
Cronaca Rivarolo, 29 Dicembre 2020 ore 18:45

Sfm1 linea Canavesana, col passaggio a Trenitalia salasso sui biglietti: oggi il costo è di 3,60€, da gennaio potrebbe passare a 5,90€ aumento oltre il 60%.

Linea Canavesana salasso sui biglietti: aumento oltre il 60%

Il Consigliere regionale Alberto Avetta (PD): “All’incontro del 17 dicembre qualcuno si è dimenticato di parlare del costo dei biglietti. Presenterò un’interrogazione urgente e chiederò l’audizione in commissione per chiarire se Trenitalia conferma queste notevoli differenze tariffarie”.

“Una ‘epocale’ presa in giro”

«Il 17 dicembre, in quel di Rivarolo, i vertici di Trenitalia, alla presenza di rappresentanti regionali e di amministratori locali, hanno illustrato l’atteso passaggio di gestione della linea ferroviaria Sfm1 Rivarolo-Chieri, la cd. Canavesana, che dal 1 gennaio vedrà Trenitalia subentrare a GTT. In quell’occasione si sono dette tante cose, si è disquisito di treni nuovi, di corse, di impegni futuri, di Pop e di Jazz e di evento epocale. Però, ci si è dimenticati di parlare dei costi dei biglietti. Infatti, consultando il sito di Trenitalia, si scopre che la tariffa da Rivarolo a Chieri passerebbe dagli attuali 3,60 euro di GTT ai 5,90 euro di Trenitalia, ovvero una differenza che supera il 60%! Se questo fosse confermato, ci troveremmo di fronte a una ‘epocale’ presa in giro di pendolari e sindaci che riponevano tante speranze in un effettivo miglioramento del servizio, mentre la prima cosa concreta che vedranno saranno i maggiori costi dei biglietti. Presenterò immediatamente un Question Time e solleciterò un’audizione di Trenitalia affinché ci spieghino se tali differenze tariffarie sono confermate e, nel caso, perché all’incontro di Rivarolo nessuno si sia preoccupato di comunicarle»

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità