Cronaca

Società intestate a defunti, l'operazione delle Fiamme Gialle

Al temine degli accertamenti sono state quantificate distrazioni patrimoniali per circa 11 milioni di euro. 

Società intestate a defunti, l'operazione delle Fiamme Gialle
Cronaca Torino, 20 Gennaio 2019 ore 12:07

Società intestate a defunti, l'operazione delle Fiamme Gialle a Torino.

Società intestate

C'erano anche società intestate a defunti nell'operazione delle Fiamme Gialle. Programmavano e portavano alla bancarotta diverse ditte gravate da ingentissimi debiti. Intestandole a delle  “teste di legno”, perlopiù, nullatenenti di nazionalità rumena, senza fissa dimora. Per questo motivo, la Guardia di Finanza di Torino, al termine delle indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica, ha arrestato cinque persone, tre imprenditori e due commercialisti, residenti nel torinese e in Provincia di Cuneo.

Gli arresti

Agli arrestati viene contestato di aver portato alla bancarotta fraudolenta aggravata e in concorso, tre società grazie alla spregiudicata regia di due commercialisti. Questi ultimi, in totale accordo con gli imprenditori, avrebbero posto in liquidazione le società, perché gravate da ingentissimi debiti intestandole a “teste di legno”. Ovvero nullatenenti di nazionalità rumena, senza fissa dimora, mediante l’appropriazione e il successivo utilizzo di smart cardad essi intestati. Servendosi delle credenziali, sono state certificate pretestuose modifiche societarie.

I prestanome

In un caso, il “prestanome” è risultato del tutto ignaro della vicenda, in un altro, l’intestatario era, addirittura, deceduto in epoca antecedente all’assunzione della carica di liquidatore. La Procura della Repubblica di Torino ha proposto apposite istanze di fallimento nei confronti di tali società, che sono state accolte. I due commercialisti e due dei tre imprenditori coinvolti nella vicenda sono accusati a vario titolo anche dell’emissione e dell’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per quasi 5 milioni di euro.

11 milioni di euro distratti

Al fine di ostacolare le indagini e l'individuazione dei responsabili, le predette società venivano trasferite in località inesistenti. Al temine degli accertamenti sono state quantificate distrazioni patrimoniali per circa 11 milioni di euro.