Truffe a banche e Stato, lingotti d'oro e denaro contante. Ecco gli imprenditori arrestati

Sono accusati di riciclaggio, truffe, anche attraverso false identità, trasferimento fraudolento di valori e frodi fiscali e fittizie intestazioni di beni.

Truffe a banche e Stato, lingotti d'oro e denaro contante. Ecco gli imprenditori arrestati
Cronaca Torino, 05 Febbraio 2019 ore 12:00

Truffe a banche e Stato, società fantasma, lingotti d'oro e ingenti somme di denaro contante rinvenuti dai carabinieri. Sono cinque insospettabili imprenditori torinesi.

Truffe a banche e Stato

Riciclaggio, truffe, anche attraverso false identità, trasferimento fraudolento di valori e frodi fiscali e fittizie intestazioni di beni. Sono queste alcune delle accuse che ricadono sull'organizzazione criminale sgominata in questi giorni dai carabinieri del Radiomobile e del Nucleo Investigativo di Torino. Le indagini sul sodalizio erano partite dopo che, lo scorso 28 gennaio, i militari avevano ritrovato all'interno di un box "self storage" di corso Giulio Cesare, un grandissimo quantitativo di denaro contante (600 mila euro circa in buste termosaldate) e 75 lingotti d'oro per un totale di 20 kg di materiale prezioso.

Cinque insospettabili imprenditori

Il primo a finire nei guai era stato il Giuseppe Soldano, imprenditore di Settimo Torinese gestore dell'hamburgheria Eataly del centro storico cittadino. Una volta scoperto il deposito dagli inquirenti i quattro complici stavano già progettando la fuga all'estero ma i militari dell'Arma sono riusciti nelle ultime ore a bloccarli in tempo, prima cioè che potessero far perdere le proprie tracce.

Quattro complici fermati

I nomi degli altri quattro imprenditori che sono stati fermati dai carabinieri non sono stati ancora resi noti. Secondo alcune indiscrezioni di stampa, però, si tratterebbe di veri e propri "insospettabili". Tutti, comunque, sarebbero residenti tra Torino e i comuni della provincia sud di Torino e avrebbero tra i 60 e i 41 anni. Due di loro, in particolare, sarebbero ufficialmente residenti in Bulgaria ma, di fatto, domiciliati a Torino.