Menu
Cerca
evento solidale

Il “Concerto di Natale” sotto l’egida della Congregazione per l’Educazione Cattolica

Missioni Don Bosco partecipa per sostenere il soccorso ai poveri nel mondo in questa pandemia.

Il “Concerto di Natale” sotto l’egida della  Congregazione per l’Educazione Cattolica
Cultura Torino, 21 Dicembre 2020 ore 23:16

Il “Concerto di Natale” sotto l’egida della Congregazione per l’Educazione Cattolica, verrà trasmesso da Canale 5 la sera del 24 e il pomeriggio del 25 dicembre.

“Concerto di Natale”

Ventottesima edizione del “Concerto di Natale”, al quale il Papa affida la sensibilizzazione del grande pubblico sulla necessità di impegnarsi per le giovani generazioni. Per tradizione si doveva svolgere nell’Aula Nervi in Vaticano ma quest’anno, a causa del Covid-19, si tiene nell’Auditorium di via della Conciliazione. Presentati da Federica Panicucci e da don Davide Banzato, sul palco saliranno Malika Ayane, Antonino, Arisa, Emma, Roby Facchinetti, Andrea Griminelli, Moreno, Nek, Tosca e Ron, Renato Zero insieme con le star internazionali Dotan (Olanda), Aida Garifullina (Russia), Hong-hu Ada (Giappone) e Amy Macdonald (Scozia). L’esecuzione delle musiche è affidata all’Orchestra Italiana del Cinema diretta dal maestro Adriano Pennino con la collaborazione del maestro Emiliano Facchinetti. Lo spettacolo andrà in onda su Canale 5 il 24 dicembre in prima serata e sarà replicato il pomeriggio del 25 dicembre. Sarà possibile inviare un’offerta mediante il numero solidale 45530.

Promosso dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica

Il Concerto di Natale viene promosso dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica e sostiene le attività di Missioni Don Bosco Valdocco Onlus e della Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes. I due enti promotori si uniscono nel progetto “Insieme facciamo rete per il nostro futuro!”, in questo 2020 destinato all’obiettivo di dare risposte concrete all’emergenza sociale e educativa provocata dalla pandemia in corso.

Missioni Don Bosco Onlus nell’anno che si chiude ha sostenuto progetti in 55 Paesi, raggiungendo attraverso le opere salesiane circa 10.674.00 persone di oltre quasi 560.000 famiglie. L’azione è fatta di programmi di sensibilizzazione sanitaria, di distribuzione di generi alimentari e di mascherine, di assistenza per la didattica e di accoglienza per i senza tetto. Gli aiuti si sono concentrati nelle aree maggiormente colpite dalla pandemia, attraverso un intervento capillare in molte aree del Sud del mondo.

Considerato il permanere della pandemia, l’impegno si rinnoverà nel nuovo anno. Intervistato da don Davide Banzato, Giampietro Pettenon, presidente della Onlus salesiana, ha spiegato:

“Noi salesiani abbiamo tantissime case e tantissime scuole in cui accogliamo migliaia di ragazzi che ovviamente in questo periodo non possono frequentare le scuole perché la pandemia lo impedisce. Per molti di questi ragazzi significa rinunciare all’unico vero pasto della giornata perché dai salesiani si va a scuola, si impara ma anche si mangia. Abbiamo realizzato laddove era possibile una consegna porta a porta di pacchi alimentari per aiutare le famiglie più povere a sfamare i loro figli che non potevano recarsi a scuola. Penso ad esempio a padre Giovanni partito dalla Sicilia che si trova missionario in Madagascar. Vedeva quest’anno i bambini che nella fase finale della mattinata erano presi dal sonno. È venuto a sapere che questi piccoli facevano colazione a casa con una tazza di acqua calda, no pane, no latte. Denutriti e sfiniti, si addormentavano in aula. Ma penso anche all’India, dove abbiamo saputo che a causa della pandemia sono stati bloccati i trasporti pubblici. Ci sono moltissimi lavoratori migranti interni all’India che sono precari, non hanno potuto prendere un treno o un pullman per ritornare a casa: sono rientrati, stanno rientrando, a piedi. Ci sono persone, uomini e donne, che fanno centinaia, migliaia di chilometri di cui molti a piedi. Dove c’è una casa salesiana, i confratelli hanno aperto le porte e accolto queste persone, le hanno sfamate e ha potuto dare loro un po’ di riposo, sfinite dal lungo il viaggio”.

 “Christmas Virtual Race – Run for Charity“

A fianco del Concerto viene lanciata quest’anno la prima edizione della “Christmas Virtual Race – Run for Charity“, un momento dedicato allo sport e alla solidarietà, nato dalla collaborazione fra Prime Time Promotions e Associazione Sportiva Dilettantistica Corsa dei Santi. La gara è partita sabato 19 e si svolge fino al 31 dicembre: attraverso l’App scaricabile dalla piattaforma Enternow, i corridori potranno competere lungo i loro percorsi preferiti e misurarsi con gli altri in maniera virtuale. Fiona May, medaglia d’oro olimpica, e Gianluca Zambrotta, campione del mondo di calcio, presenteranno questa nuova iniziativa durante il Concerto.