“Un filo che unisce...”

Luci e colori, un albero di mattonelle... a Lessolo è già Natale

Su una struttura in ferro di ben quattro metri, esposte le mattonelle realizzate, in lana, da un gruppo di amiche “uncinettine”.

Luci e colori, un albero di mattonelle... a Lessolo è già Natale
Cultura Ivrea, 08 Dicembre 2020 ore 10:59

Luci e colori, a Lessolo è già Natale con gli addobbi allestiti da volontari con tanta passione e creatività. L'albero quest'anno è stato realizzato con mattonelle create all'uncinetto...

Luci e colori, un albero di mattonelle...

Lessolo è già addobbata per il Natale 2020! La pandemia e le limitazioni allo spostamento, non hanno fermato la creatività delle donne appassionate di uncinetto, delle scuole e delle associazioni che, con il sostegno del Comune, stanno preparando decorazioni da ammirare in tutta sicurezza durante il periodo delle Festività. Il clou del percorso verrà rappresentato da un albero di Natale davvero eccezionale, che troverà posto presso la fontana di piazza Valter Caffaro. Su una struttura in ferro di ben quattro metri, esposte le mattonelle realizzate, in lana, da un gruppo di amiche “uncinettine” che ha sfruttato proprio la pausa dovuta alla quarantena anti
Covid-19 per creare qualcosa di bello e allegro in vista del Natale.

“Un filo che unisce...”

L’idea è nata vedendo l’iniziativa analoga realizzata anni fa a Trivento, in provincia di Campobasso, e che, successivamente, è diventata un progetto internazionale: “Un filo che unisce...”.
Nel 2020 anche Lessolo potrà dunque dire: “Un filo che unisce Trivento …a Lessolo!”.
Al progetto, ideato e proposto da Emanuela Garzone in collaborazione con la Banda Musicale Lessolese, hanno collaborato, per la struttura in ferro, Renzo Grosso, Maurizio Grosso e Pier Giorgio Garzone, mentre per le realizzazione delle mattonelle all’uncinetto si ringraziano: Luigina Mattiolo, Gigliola Bernardinello, Gloria Chiolino, Milena Violante, Emanuela Barolat Massole, Lorena Baravetto, Lidia Voiglio, Roberta Vignatton, Laura Cuzziol, Manuela Scotellaro e mamma, Daniela Cervellin, Anna Mosca, Mirella Schiavon e amiche, Ottanzia Lecca, Daniela Mancin, Luisa Grampioggia e Il Paese che Vorrei.

Allestimenti

L’Amministrazione ha patrocinato l’iniziativa, mentre l’associazione “Il Paese che Vorrei” si occuperà di abbellire il resto della piazza antistante il palazzo municipale e tutto il paese. Per i rami di pino per l’intero percorso si ringraziano Graziella Masetta e tutti coloro che li hanno donati. Un sentito ringraziamento a Luigi Vicario per la preziosa collaborazione e per la creazione delle sagome di Babbo Natale e le renne. Per il Natale, si vestiranno a festa anche le antiche fontane con decori all’interno dei vasi.
La fontana della Cappella di via Ezio Migliore verrà addobbata dalla classe prima della scuola primaria di primo grado coordinata dalla maestra Katia Scavarda. La fontana San Giuseppe sarà allestita dall’omonimo gruppo “Gli amici della fontana di San Giuseppe” che si occupa tutto l’anno di questo punto del percorso.
La scuola materna, grazie alle maestre Marilena Marra e Alessia Levetto, allestirà la fontana Pozzo Sonza e della nicchia parrocchiale in via Roveto. La volontaria Carla Mussa Peretto curerà la fontana La Marza mentre un’altra volenterosa abitante, Luigina Garzone, addobberà la fontana di Magninengo.
La fontana di San Rocco nei pressi del comune sarà addobbata dai bambini dell’Asilo Nido con le maestre e referenti Cristina Siletti, Beatrice Ferraro, Federica Angela, Caterina Trovero e Marianna Anselmo.
Marilena Marra curerà l’allestimento della fontana Roveto mentre, a Calea, la fontana della borgata sarà addobbata a cura del Gruppo Sportivo Caleese con la collaborazione di Giovanna Ottello.
Per le luminarie lungo le vie del paese si ringraziano l’Associazione Turistica Pro Loco ed Ettore Casale.

3 foto Sfoglia la gallery