Tante iniziative di successo nel salotto letterario della biblioteca di Cuorgnè

L’assessorato alla cultura della città di Cuorgnè organizza venerdì 22 novembre un pomeriggio con l’autore. Ospite d’eccezione dell’iniziativa lo scrittore Andrea Caruso.

Tante iniziative di successo nel salotto letterario della biblioteca di Cuorgnè
Rivarolo, 14 Novembre 2019 ore 14:14

E’ partita con il piede giusto la terza edizione di Aperibook. Nel salotto letterario della biblioteca di piazza Morgando a Cuorgnè sono stati ospiti gli scrittori, Federica Zancato e Marco Rolando.

Salotto letterario della biblioteca

E’ iniziato sabato scorso, 9 novembre, davanti ad una buona cornice di pubblico la terza edizione di Aperibook. Il primo appuntamento degli incontri con l’autore nel salotto letteraio della biblioteca di piazza Morgando ha visto ospiti gli scrittori, Federica Zancato e Marco Rolando, che hanno presentato rispettivamente i libri «Via delle Grancasse 0» e «Il vecchio e l’aquila», dialogando con l’editrice Helena Verlucca.

Aperibook e novità

«Ringrazio Maria Teresa Cavallo e Giovanna Cresto per il loro impegno nella buona riuscita di questo progetto. Inizieranno, tra l’altro, a breve i lavori per la sistemazione della copertura-terrazzo della biblioteca – ha spiegato l’assessore Lino Giacoma Rosa – Il costo complessivo del restyling è di circa 70mila euro. Speriamo di poter dare appuntamento ai nostri lettori e aficionados dell’Aperibook per una presentazione in terrazzo».

Appuntamento con l’autore

L’assessorato alla cultura della città di Cuorgnè organizza venerdì 22 novembre un pomeriggio con l’autore. Appuntamento alle 17 nel salotto letterario della biblioteca di piazza Morgando, di fronte al Municipio. Ospite d’eccezione dell’iniziativa lo scrittore Andrea Caruso, che guiderà i presenti alla scoperta di “Battaglia nell’abisso”: un avvincente romanzo di fantascienza che terrà tutti con il fiato sospeso sino all’ultima pagina.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità