Politica

Lettera aperta di Sertoli al suo antagonista politico

Caro Maurizio, ti scrivo con immutato rispetto verso il tuo pensiero".

Lettera aperta di Sertoli al suo antagonista politico
Politica Ivrea, 21 Giugno 2018 ore 07:56

Lettera aperta di Sertoli al suo antagonista politico a pochi giorni dal ballottaggio a Ivrea.

Lettera aperta

"Caro Maurizio, ti scrivo con immutato rispetto verso il tuo pensiero. Ma con profondo stupore per il cambio di stile che sembra tu abbia dato a quest’ultima parte della campagna elettorale. Uno stile che non mi appartiene e verso il quale non mi indirizzerò". Inizia così lo scritto indirizzato a Maurizio Perinetti (centrosinistra e liste civiche) e a firma di Stefano Sertoli (centro destra e liste civiche). 

Cosa è successo?

"Ho letto il tuo volantino in cui sventoli lo spauracchio che Ivrea "vada al centrodestra". È quindi questa la tua sola risposta alle domande che, come coalizione, ti abbiamo posto su fatti specifici. A fronte di spese di 36 milioni di euro all’anno, non si è mai messo mano alla biblioteca, alla piscina, agli impianti sportivi, alla riqualificazione del centro storico e dei quartieri. Tutte iniziative che sarebbero potute esser fatte per il bene pubblico, bene che sicuramente è caro anche alla tua parte politica, ma che non sono state fatte. Noi ti chiedevamo conto di quanto è stato, o non è stato fatto. Francamente sembra che con il tuo volantino tu abbia intrapreso un’azione di distrazione.

La campagna elettorale

"Abbiamo fatto una campagna elettorale per il primo turno basata sul rispetto reciproco tra tutti noi candidati. Ci siamo confrontati su idee e su progetti e mai siamo scaduti sul personale e sulla denigrazione. Perché ora hai voluto cambiare stile? Francamente, spero vivamente che questo volantino sia stato solo uno "scivolone". Non l’inaugurazione di un modo di fare campagna elettorale basato su insinuazioni e insulti. Sei conscio che quando sostieni che valori quali innovazione, solidarietà e qualità dei servizi non appartengano alla coalizione che mi sostiene. Stai implicitamente insultando me, i candidati e i 3304 elettori che ci hanno dato la loro preferenza? Dimmi, in maniera circostanziata e con citazioni puntuali, dove avremmo sostenuto valori contrari!

Le altre riflessioni

"Mi concentro sul tema "Solidarietà". Mi hai forse mai sentito dire che lasceremo qualcuno indietro? Che non faremo di tutto per aiutare tutti? Si certo, ho capito, tu vuoi far passare il messaggio che la Lega, che mi sostiene, sia un partito di razzisti. Ma, appunto, lasciando perdere il "tutti lo dicono", indicami una sola dichiarazione di un candidato della Lega al Comune di Ivrea che possa farlo pensare.

Le critiche alla Lega

Tu dici, identificando la mia coalizione, «Un centro destra egemonizzato dalla Lega». La mia è una coalizione al cui interno ci sono persone di diverse posizioni politiche. Ma che hanno l’obbiettivo comune di cambiare il modo in cui questa città viene amministrata. E ti faccio notare che una simile compagine politica non è innovativa sul territorio, visto che a Cuorgnè governa un modello simile. A Rivarolo la Lega è nella giunta con un sindaco Pd. Che vi sono giunte "multicolor", o comunque con maggioranze non "standard", anche in altri paesi canavesani come Castellamonte e Favria. 

Cosa vuol dire riformista?

E poi scrivi: «Garantire una guida riformista e democratica alla nostra città». Se con "democratica" intendi del "Partito Democratico", va bene, la ritengo una imprecisione linguistica, ma te la passo. Se invece vuoi intendere che la parte a te contrapposta sia "antidemocratica" e quindi dittatoriale, la cosa mi urta un goccio. Di nuovo staresti insultando 3.304 cittadini che hanno espresso la loro preferenza, democraticamente, depositando il loro voto nell’urna. Inoltre quando ti definisci "riformista" vuol forse dire che ritieni che l’attuale sistema eporediese vada riformato? Da chi è da 30 anni dalla parte di chi governa la città da mezzo secolo mi sarei aspettato una esaltazione del lavoro fatto precedentemente. Non l’ammissione che questo non vada bene e sia da riformare. Ma non preoccuparti. Se sei convinto che Ivrea abbia necessità di essere riformata la soluzione c’è: domenica 24 anche tu vota per Sertoli Sindaco!