Politica

Rugby e atletica in lite perché l'erba del vicino è sintetica

Rugby e atletica in lite perché l'erba del vicino è sintetica
Politica Volpiano, 10 Luglio 2022 ore 10:31

Rugby e atletica in lite perché l'erba del vicino è ... sintetica. In consiglio comunale si discute se le due attività siano compatibili con la nuova copertura.

Rugby e atletica in lite

Rugby e atletica in lite  nell'ultima seduta del Consiglio comunale di Volpiano prima della “pausa” estiva. E non sono mancate le polemiche tra maggioranza e opposizioni.
Il primo punto all’ordine del giorno riguardava una variazione di assestamento generale per la verifica degli equilibri della salvaguardia di bilancio e dello stato di attuazione dei programmi. In particolare, spicca l’applicazione di 233mila euro dell’avanzo di amministrazione per finanziare alcune opere approvate all’interno del PNRR. In totale sono 5 gli interventi che hanno ricevuto l’ok dal Ministero: la ristrutturazione completa dello stabile comunale di via Carlo Botta, il rifacimento degli spogliatoi del Palazzetto dello Sport, la realizzazione della nuova Biblioteca comunale, la copertura della piastra della Ghirotti e il manto in erba sintetica del campo da rugby. Proprio l’ultima opera ha destato qualche perplessità nelle minoranze.

La consigliera Maggisano

«Sappiamo – spiega Antonietta Maggisano – che il manto in erba sintetica creerebbe qualche problematica alla società di atletica. È vero che c’è un progetto e uno stanziamento di fondi, ma dobbiamo chiederci anche quanto ci costa in termini di limiti che porterà alle attività delle associazioni sportive volpianesi». «Ho incontrato recentemente le associazioni coinvolte – risponde il sindaco Giovanni Panichelli – e verranno fatte scelte che porteranno vantaggi al nostro territorio arrecando il minor disagio possibile».

Scettica Camoletto

Rugby e atletica in lite, si diceva. Infatti, scettica anche Monica Camoletto che chiede «come mai certe verifiche vengano fatte a posteriori». Quel che è certo, al momento, è un dato significativo: 3 milioni di euro entreranno nelle casse del Comune e finanzieranno opere di grande impatto per la cittadina. Il Consiglio comunale ha poi approvato una delibera sulla farmacia comunale. La convenzione attualmente in vigore scade, infatti, a fine anno. Il parlamentino ha dato il via libera a una gara ad evidenza pubblica per la ricerca di un ente che avrà in concessione il servizio. Approvazione anche dal gruppo “Cambiamo Volpiano” che ha, però, bacchettato la maggioranza. «La modalità con cui è stata approvata la convenzione attualmente in vigore – sottolinea Maggisano – è illegittima. Non è stata eseguita una gara d’appalto. Siamo contenti che ora ci sia una gara pubblica perché è il naturale modo di operare e per questo votiamo favorevolmente».

Immobile confiscato

In seguito, i consiglieri hanno approvato la manifestazione di interesse da parte del Comune di Volpiano per il trasferimento di un immobile confiscato alla criminalità organizzata e situato nel territorio della cittadina. «Ci sono stati contatti con la Prefettura – spiega il sindaco – per manifestare l’interesse al trasferimento di un ulteriore bene. In funzione dei bisogni rilevati, è possibile destinarlo alle finalità sociali previste dalla legge».
Infine, è stato approvato il regolamento per lo svolgimento delle sedute del Consiglio comunale, delle Conferenze Capigruppo e delle Commissioni consiliari in videoconferenza. Viene, inoltre, prevista la possibilità, in caso di situazioni particolari, di procedere con una modalità mista, permettendo ai consiglieri di collegarsi in videoconferenza malgrado il parlamentino sia riunito in presenza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter