A San Francesco al Campo

La scuola dell’infanzia parrocchiale trasferita nell’edificio del capoluogo

Con questa operazione a restare per ora vuoto è invece il plesso di Borgata Madonna.

La scuola dell’infanzia parrocchiale trasferita nell’edificio del capoluogo
Ciriè, 20 Settembre 2020 ore 12:00

Ora è rimasto vuoto il plesso di Borgata Madonna. A San Francesco al Campo la scuola dell’infanzia parrocchiale è stata interamente trasferita nell’edificio del capoluogo.

A San Francesco al Campo la scuola dell’infanzia parrocchiale è stata interamente trasferita nell’edificio del capoluogo.

La scuola dell’infanzia parrocchiale di San Francesco al Campo “cambia casa”, dato che è stata interamente trasferita nell’edificio del capoluogo. Adesso le due sezioni di Borgata Madonna resteranno vuote. L’anno scolastico 2020-2021 si è aperto con quattro sezioni concentrare nell’edificio di via San Giovanni Bosco. Dichiara il parroco e responsabile don Alessio Toniolo: “Gli spazi del capoluogo saranno sufficienti ad accogliere tutti gli allievi in un unico fabbricato. Dal 7 settembre abbiamo iniziato con i più piccoli. Mentre da lunedì 14 sono rientrati i bambini del secondo e terzo anno”.

Creati nuovi punti d’accesso

Si sono creati due punti d’accesso per dividere i flussi e non creare assembramenti, inoltre sono state realizzate quattro aree all’esterno che saranno utilizzate sempre dalle stesse persone. La materna parrocchiale resterà aperta, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 16. La direzione ha assunto due nuove maestre, infatti è stata attivata una sezione di bilinguismo e c’è stata l’esigenza di coprire l’orario pomeridiano.

Lavori in corso

Infine sono stati svolti degli interventi all’interno dello stabile. Afferma il parroco e presidente don Alessio Toniolo: “Di recente sono stati ristrutturati i servizi igienici al secondo piano. Intendiamo realizzare un dormitorio dove sarà possibile lasciare aperte le brandine”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità