Referendum

Cuorgnè: In piazza per legalizzare l'eutanasia attiva

Cuorgnè e Castellamonte si schierano a favore della proposta, da portare in Parlamento, avanzata dall’Associazione Luca Coscioni

Cuorgnè: In piazza per legalizzare l'eutanasia attiva
Attualità Castellamonte, 25 Luglio 2021 ore 19:15

In Piemonte sono state superate le 100.000 firme: l’obiettivo da raggiungere è 500.000. Più di 200 quelle raccolte nei giorni di mercato a Cuorgnè e Castellamonte. Cuorgnè: In piazza per legalizzare l'eutanasia attiva

La proposta

Un argomento molto attuale, un referendum, quello per chiedere che l’eutanasia venga legalizzata anche in Italia come in altre realtà europee, in cui il Piemonte si sta rivelando capofila tra le regioni italiane per l’alto numero, oltre 10.000, di firme sinora raccolte.

A Cuorgnè

Giovedì 15 luglio è stata la volta di Cuorgnè, dove più di un centinaio di persone si sono recate al banchetto di piazza Boetto per firmare, mentre lunedì 19 il banchetto si è spostato a Castellamonte. Attualmente l’eutanasia è un tema spinoso e complesso in Italia, ma l’Associazione Luca Coscioni ha promosso il Referendum Eutanasia Legale e, ad oggi, sono state raccolte già 100.000 firme a livello nazionale. Anche il Canavese, grazie al Comitato promotore dell’area, scende in piazza per avvicinare i cittadini e dare loro la parola. Attualmente nel nostro paese l’unica condotta lecita è l’eutanasia passiva, ovvero l’interruzione delle cure per evitare l’accanimento terapeutico sui pazienti che restano in vita solo tramite cure. Diversamente, per quei malati che, dovendo sopportare dolori e sofferenze insopportabili, pur sospendendo le cure non morirebbero, l’eutanasia attiva è punita dalla legge. Si sta quindi chiedendo un referendum che abroghi, in parte, l’articolo 579 del Codice penale per dare la possibilità ai maggiorenni e a chi è in grado di intendere e di volere di ottenere l’eutanasia attiva.

A Castellamonte

Trattandosi di referendum serviranno 500.000 firme entro il 30 settembre per portare la proposta in Parlamento. «È stata una mia iniziativa che non ha nulla a che fare con la politica, anche se ho ottenuto subito l’appoggio dell’amministrazione - sottolinea Alessandro Musso, consigliere comunale - Grazie a Paola Gamba ed Elisa Troglia siamo riusciti a coordinarci e muoverci nel Canavese».

Dove firmare

A partire dal 12 luglio tutti i castellamontesi che fossero interessati potranno apporre la propria firma presso la Segreteria del Comune dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 12:30, e il lunedì e giovedì anche al pomeriggio dalle 15:00 alle 17:45. Inoltre lunedì 16 agosto dalle 9:30 alle 13:30 lo stand sarà nell’area mercatale, fronte ex stazione, mentre domenica 5 settembre dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 15:30 alle 19:30 sarà in Piazza Martiri della Libertà a Cuorgnè. In queste giornate potranno firmare sia i residenti che i non residenti.