Attualità
tre terre canavesane

Dal Natale all’Epifania della reciprocità, visita dei tre sindaci alla casa di riposo

Pasquale Mazza, Marco Succio e Andrea Zanusso all’Istituto Domenica Romana

Dal Natale all’Epifania della reciprocità, visita dei tre sindaci alla casa di riposo
Attualità Castellamonte, 16 Gennaio 2023 ore 06:09

Dal Natale all’Epifania della reciprocità, visita dei tre sindaci alla casa di riposo: Pasquale Mazza, Marco Succio e Andrea Zanusso all’Istituto Domenica Romana.

Dal Natale all’Epifania della reciprocità

Il Natale della Reciprocità, proposto dalle Tre Terre Canavesane, ha inserito, all’interno dell’ampio programma, anche la visita alle case di riposo di Castellamonte, Agliè e San Giorgio Canavese. «Il Festival della Reciprocità ci ha permesso di aprire porte sul territorio che ci fanno vedere realtà che vengono date per scontate. Il tour delle strutture che ospitano coloro che sono la memoria del nostro territorio ci sembrava un’azione voluta e dovuta. Per le amministrazioni è importante comprendere meglio e condividere quali possono essere le criticità e le fragilità che anche queste realtà incontrano e trovare delle opportunità per farle evolvere - hanno dichiarato i Sindaci Pasquale Mazza, Marco Succio e Andrea Zanusso - Ci serve capire meglio quello che avviene a due passi da noi ma che, spesso, sembra trovarsi a una distanza siderale. È quindi quantomai utile incontrarsi per confrontarsi, il lavoro viene fatto dal basso e la strada che abbiamo intrapreso, ormai otto anni fa, sembra portare dei frutti. È quello che ci auguriamo avvenga anche per le strutture che ospitano gli anziani».

Le visite

Il primo luogo a essere vistato è stato l’Istituto Domenica Romana della città della ceramica: «Ringraziamo i Sindaci per l’attenzione che ci hanno dato. A questo punto servirebbe creare una mentalità che comprenda cosa si possa fare per le nostre realtà e poter collaborare sinergicamente per trovare delle soluzioni - ha sottolineato il Presidente Danilo Sassoè Pognetto - Siamo all’interno di un’evoluzione continua che comporta sacrifici e attitudini mentali. Se si riuscisse a essere una costruzione unitaria sarebbe più semplice rispetto alla frammentarietà che complica sempre di più la situazione». Oltre al Presidente, erano presenti anche il Vice-Presidente Paolo Tarella e il Direttore Ma uro Rovetto che hanno preso parte all’incontro. Oltre ad essere stato un momento di scambi di pareri e punti di vista, le amministrazioni hanno portato anche un piccolo omaggio natalizio agli anziani. Infine, per mantenere la memoria scritta dell’incontro, è stato fatto firmare l’albo d’oro: una scritta nero su bianco per ricordare quanto sia importante il valore degli anziani e delle strutture che li ospitano.

Seguici sui nostri canali