Attualità
eccellenza canavesana

Il «3K Wine» di Rivarolo protagonista alla settimana del vino di Milano

L’enoteca e bistrot premiata tra i grandi colossi nazionali del retail.

Il «3K Wine» di Rivarolo protagonista alla settimana del vino di Milano
Attualità Rivarolo, 25 Ottobre 2021 ore 00:39

Il «3K Wine» di Rivarolo protagonista alla settimana del vino di Milano: due premi per il locale canavesano.

Il «3K Wine» di Rivarolo protagonista alla settimana del vino di Milano

I riflettori della Wine Week di Milano hanno illuminato anche la corona dei «3K» di Rivarolo durante i dieci giorni dedicati a una delle eccellenze italiane: il vino. E’ stata la prima edizione quella che si è svolta nella capitale della moda; e da quest’anno anche del vino. Più di trecento eventi in dieci giorni e tra questi anche la premiazione al MegaWatt, uno dei posti più cool del momento a Milano, di operatori del settore. E sul palco a ritirare un premio, anzi due, anche Corrado Massa e Mattia Fornasiero dei 3KWine, appunto, selezionati nella categoria enoteche bistrot, retail e vendite on line come «Miglior carta dei vini» e «Retail». Giusto per far capire la portata del riconoscimento, sul palco con i due rivarolesi c’era un’azienda come «Tannico» che fattura qualcosa come 70 milioni di euro ad esercizio.

Una grande soddisfazione

«Dopo appena un anno di attività ottenere due riconoscimenti di questo genere non può che riempirci di orgoglio», sorride e sottolinea Corrado Massa socio con Nicola Benvenuti del locale di corso Indipendenza. «Ci siamo riusciti grazie alle 3000 etichette disponibili con 40.000 bottiglie in cantina. Solo in queste ore abbiamo spedito un ordine a Singapore». Effetto anche della strategia marketing e dei 46.000 follower che hanno sulla pagina Istagram 3KWine. Un successo arrivato grazie al lavoro di squadra - «siamo un'azienda orizzontale dove tutti facciamo tutto» - ma dove ognuno ha la sua specificità: a Corrado Massa la gestione, a Mattia Fornasiero la direzione acquisti e Giorgia Stoppa la logistica on line. E tutti e tre hanno un comune denominatore: sono sommelier, che per una «start up» del vino non è cosa da poco. Una serata quella del MagaWatt, nei pressi dei Navigli, a cui hanno partecipato le più grandi firme della ristorazione italiana e diverse delle 11 stelle Michelin italiane. «Devo dire - conclude Corrado - che non ci aspettavamo questo premio. Quando ci ha chiamato Top Champagne di Milano, nostro partner, per dirci dell'iniziativa, abbiamo partecipato ma senza molte aspettative, e alla fine siamo stati premiati tra tanti colossi del settore». E non sarà una caso se la scorsa settimana ai 3KWine c’era il difensore della Juventus Daniele Rugani con la compagna e il giorno successivo l’ex centrocampista bianconero Sami Khedira.