Attualità
Territorio Green

Inaugurata una nuova centrale idroelettrica

Inaugurata una nuova centrale idroelettrica, coinvolti i comuni di  Quassolo, Borgofranco di Ivrea, Quincinetto, Tavagnasco, Montalto Dora e Settimo Vittone.

Inaugurata una nuova centrale idroelettrica
Ivrea Aggiornamento:

Inaugurata una nuova centrale idroelettrica, coinvolti i comuni di  Quassolo, Borgofranco di Ivrea, Quincinetto, Tavagnasco, Montalto Dora e Settimo Vittone che hanno contribuito alla realizzazione dell’impianto grazie a un’iniziativa di crowdfunding lanciata da Edison nel 2022, partecipando così ai benefici derivanti dalla sua costruzione e diventando protagonisti della transizione energetica del proprio territorio.

Inaugurata una nuova centrale idroelettrica

Con una potenza installata di 2.700 kW e una producibilità annua di 8.300.000 kWh, la centrale idroelettrica di Quassolo soddisfa il fabbisogno energetico di 3.000 famiglie ed evita l’emissione di circa 3.300 tonnellate di CO2 all’anno.   Alla realizzazione della centrale hanno partecipato anche i residenti dei comuni di Quassolo, Borgofranco di Ivrea, Quincinetto, Tavagnasco, Montalto Dora e Settimo Vittone, oltre ai clienti di Edison Energia di tutta Italia, aderendo alla campagna di crowdfunding Edison Crowd per Quassolo lanciata dal Gruppo nel 2022 e scegliendo così di diventare protagonisti della transizione energetica del proprio territorio. Ai partecipanti all’iniziativa viene corrisposto un interesse fisso annuo lordo (pari al 6% per i cittadini dei sei comuni e 5% per i clienti Edison) sulle somme investite, ogni sei mesi a partire dal 30 aprile 2022 fino al 30 aprile 2025. Edison è stato il primo operatore energetico in Italia a lanciare iniziative di questo tipo già nel 2018, concludendo con successo tre campagne di crowdfunding.

Decarbonizzazione

“Siamo orgogliosi di muovere, con l’inaugurazione della nuova centrale idroelettrica di Quassolo, un ulteriore passo in avanti nel processo di decarbonizzazione del Paese e nel raggiungimento dei nostri target di sviluppo al 2030, che ambiscono ad accrescere la potenza rinnovabile installata fino a 6 GW attraverso 5 miliardi di euro in investimenti”, dichiara Nicola Monti, amministratore delegato di Edison. “Da 140 anni siamo un operatore responsabile, impegnato nello sviluppo economico e sociale delle comunità locali con un’ottica di lungo periodo. Grazie all’iniziativa del crowdfunding i cittadini hanno potuto avvicinarsi ai temi dell’energia e partecipare in maniera attiva alla transizione energetica del Paese, toccando con mano i benefici derivanti dalla realizzazione di un impianto di questo tipo sul loro territorio”. “Da 140 anni siamo un operatore responsabile leader della transizione energetica e vogliamo continuare ad esserlo, portando la generazione rinnovabile al 40% del nostro mix produttivo. Uno sforzo in cui l’idroelettrico riveste un ruolo altamente strategico, essendo la prima fonte di energia rinnovabile del Paese e vantando una filiera industriale che vede l’Italia tra le prime a livello mondiale”, dichiara Marco Stangalino Vice Presidente Esecutivo e Direttore Power Asset Edison. “Negli ultimi anni siamo stati tra i pochi operatori che hanno continuato ad investire e costruire nuovi impianti mini-idroelettrici, proprio come questo di Quassolo, che consente di produrre energia green al servizio dei territori”.

Raccolti 300.000 euro

A prova del successo riscosso e dell’adesione entusiasta dei partecipanti al crowdfunding, l’obiettivo di raccolta per il finanziamento della centrale di Quassolo pari a 300.000 euro è stato raggiunto in appena 20 giorni e persino in anticipo rispetto alla data di scadenza inizialmente stabilita. Nell’ambito di questa iniziativa, Edison ha messo a disposizione del territorio il proprio know-how e le proprie competenze di operatore storico nell’idroelettrico per generare valore per le persone e il territorio, attraverso un approccio innovativo e di condivisione. Per Edison il green energy crowdfunding è uno strumento in grado di offrire a tutti la possibilità di essere promotori del cambiamento e della sostenibilità del proprio territorio. La centrale è stata realizzata in soli 19 mesi, sotto la direzione della Divisione Ingegneria di Edison. In fase di progettazione dell’impianto, è stata rivolta particolare attenzione agli impatti sul territorio e alla conservazione del contesto paesaggistico, con l’obiettivo di assicurare la naturale integrità ecologica del fiume Dora Baltea, a conferma dell’impegno di Edison per la tutela dell’ambiente. L’idea del progetto è nata nel 2013, mentre i lavori di costruzione sono iniziati nel novembre 2021 e si sono conclusi nel giugno 2023. Nel cantiere sono intervenuti circa 150 operai, 20 ingegneri e 12 imprese specializzate, per un totale di oltre 65.000 ore lavorate. L’investimento complessivo è stato di 12 milioni di euro.

Fotogallery

wrt
Foto 1 di 23
adsf
Foto 2 di 23
adf
Foto 3 di 23
dfa
Foto 4 di 23
rsImmagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.19
Foto 5 di 23
ef
Foto 6 di 23
frwg
Foto 7 di 23
wrgtw
Foto 8 di 23
4te
Foto 9 di 23
erge
Foto 10 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.27
Foto 11 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.29
Foto 12 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.30
Foto 13 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.33
Foto 14 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.35
Foto 15 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.37
Foto 16 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.38
Foto 17 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.39
Foto 18 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.41
Foto 19 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.45
Foto 20 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.34.51
Foto 21 di 23
re
Foto 22 di 23
Immagine WhatsApp 2023-09-15 ore 13.35.04
Foto 23 di 23
Seguici sui nostri canali