Attualità
ivrea

Intervistato da Radio Deejay Cosmo parla della sua musica nata dopo un Rave party e scatena la polemica

"Non si può basare tutto sulla legalità nella scala di valori".

Intervistato da Radio Deejay Cosmo parla della sua musica nata dopo un Rave party e scatena la polemica
Attualità Ivrea, 15 Novembre 2022 ore 11:20

Intervistato da Radio Deejay Cosmo parla della sua musica nata dopo un Rave party e il popolo web insorge, centinaia di attacchi sotto il post dell'artista eporediese.

Cosmo parla della sua musica nata dopo un Rave party

Intervistato da Wad a Say Waaad? su Radio Deejay il cantante eporediese Cosmo ha rivelato la genesi del suo ultimo singolo, il cui ritornello era nato già tempo fa durante un rave party. “Il ritornello di La verità l’ho improvvisato durante una festa illegale, che io chiamo festa libera. alle 8 del mattino, dopo 12 ore che ballavo, mi è venuta da cantare questa cosa e mi è rimasta in testa. Dal vivo l’ho inserito in coda ad un altro pezzo che è una versione completamente diversa da questa".

Le polemiche

Sotto al post dell'intervista pubblicato da Radio Deejay si sono susseguiti uno dopo l'altro commenti di persone indignate per la leggerezza con cui l'artista eporediese parla delle feste illegali e anzi, della legalità in generale. Nell'intervista Cosmo afferma che “non si può basare tutto sulla legalità nella scala di valori. Nei rave si cerca di costruire un’esperienza di libertà totalmente diversa da quella che offrono i club, è un’esperienza da fare secondo me almeno una volta nella vita”.

Insulti sul suo profilo personale

Anche sul suo profilo personale il cantante eporediese ha ribadito il suo pensiero:

Ho detto la mia sulla questione dei rave, delle sostanze e della libertà di disporre del proprio corpo. Siamo nel bel mezzo di un attacco culturale. Bisogna reagire senza nascondersi, ma rivendicando ciò che si è. E di fronte alle reazioni immature e ottuse proporre alternative realistiche e serie. Oltre che tutelare la propria libertà di esistere.
Grazie a Vanni Santoni, Enrico Petrilli, Damir Ivic e Emiliano Colasanti per avermi aiutato a raccogliere le idee, a Ilaria D’Amico, le autrici e gli autori di Che c’è di nuovo Rai2 , per avermi concesso uno spazio in prima serata - senza interruzioni - per poter esprimere queste idee.

Scatenando accesi dibattiti sul concetto di libertà e legalità.

Seguici sui nostri canali