Attualità
inviate tre lettere di licenziamento

Licenziamenti alla Ruspa di Robassomero, la Uil: "Grave che l’azienda non abbia informato i sindacati"

"Abbiamo chiesto subito un incontro urgente".

Licenziamenti alla Ruspa di Robassomero, la Uil: "Grave che l’azienda non abbia informato i sindacati"
Attualità Lanzo e valli, 18 Gennaio 2022 ore 02:24

Licenziamenti alla Ruspa di Robassomero, la Uil: "Grave che l’azienda non abbia informato i sindacati".

Licenziamenti alla Ruspa di Robassomero

La Ruspa di Robassomero, azienda attiva nella componentistica automotive con oltre 100 lavoratori occupati, ha inviato nei giorni scorsi  tre  lettere di licenziamento a tre lavoratori motivando i provvedimenti con la crisi economica in corso. Provvedimento che ha generato la reazione dei sindacati: “È molto grave che l’azienda non abbia informato le organizzazioni sindacali – dichiara il funzionario Uilm Torino, Ciro Di Dato – per questo abbiamo chiesto subito un incontro urgente presso l’Amma, che è stato calendarizzato per il 21 gennaio. Questo metodo per noi è inaccettabile e abbiamo già dichiarato lo stato di agitazione, oltre ad aver attivato le tutele legali per i lavoratori”.

La lettera del sindacato

L’Organizzazione Sindacale UILM insieme alle R.S.U. esortano l’azienda a ravvedersi immediatamente rispetto ad una strada intrapresa, in riferimento alla lettera del 14/01/2022, che consideriamo inaccettabile e pretestuosa, QUELLA DI RISOLVERE LA CRISI AZIENDALE INIZIANDO A LICENZIARE I LAVORATORI.
Abbiamo già attivato i nostri legali per i Lavoratori interessati e dare loro il massimo supporto.
Siamo convinti, che si debbano e si possano adottare altre strade, utili a superare un periodo così complicato, utilizzando tutti gli ammortizzatori sociali possibili e mantenendo la forza occupazionale all’interno della Ruspa.
Non potendo in alcun modo condividere questa strategia disfattista ed irrispettosa per le maestranze, ci vediamo costretti a dichiarare lo STATO DI AGITAZIONE.
Ricordiamo a te che stai pensando di non essere solidale nell’iniziativa intrapresa, che potresti essere IL PROSSIMO LAVORATORE DA LICENZIARE !!!! Pertanto chiediamo un’incontro urgente perché non comprendiamo questo atto unilaterale da parte dell’azienda.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter