Attualità
Il libro

Orgoglio bianconero del professor Bertinetti

Manuale di autodifesa rivolto ai tifosi della Juventus in un periodo molto delicato della storia del club.

Orgoglio bianconero del professor Bertinetti
Attualità Torino, 29 Marzo 2023 ore 12:05

Orgoglio bianconero del professor Bertinetti in un libro-manuale di autodifesa rivolto ai tifosi della Juventus.

Orgoglio bianconero

Orgoglio bianconero, si diceva. E se non sono i risultati a far parlare della Juventus, ancora in corsa per  Uefa League, Coppa Italia e clamorosa rimonta per un piazzamento Champions dopo il -15 (ancora sub iudice; il 19 aprile si aspetta la decisione del Collegio di Garanzia del Coni), ci sono tutte le questioni extra campo, quelle giudiziarie, a tenere banco. E per il tifoso bianconero,  che si deve barcamenare tra l'esultanza di un gol (magari del ritrovato Vlaovic) e le dichiarazione di un Procuratore federale, arriva in soccorso Paolo Bertinetti, professore Emerito dell’Università di Torino, Preside della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere. E lo fa con un libro, Finoallafine! - Manuale di autodifesa e orgoglio del tifoso bianconero.

Il professore tifoso

"Giustizia sportiva è una espressione davvero comica: due errori in due sole parole". Esordisce così Paolo Bertinetti. Che continua: "Nel mio libro Finallafine! (disponibile su Amazon, ndr)  la seconda parte offre una breve storia dei successi juventini e il racconto dei nove scudetti consecutivi. La prima parte, invece, spiega al tifoso bianconero come difendersi dalle falsità di cui la Juve è vittima.

Calciopoli

Non poteva mancare, tutto il capitolo dedicato a Calciopoli.

"E a proposito di Calciopoli - spiega il professore universitario - riporta la relazione del Procuratore della FIGC Palazzi, in cui si legge che nel giro di intercettazioni che servirono a massacrare la Juve, ce n’erano di inequivocabili che comportavano l’immediata retrocessione in B dell’Inter. Ma, combinazione, era tutto prescritto. Sedici anni dopo, grazie alle intercettazioni fornite dalla Procura di Torino, di nuovo la FIGC penalizza la Juve, colpevole, come allora, di avere vinto troppo. La scusa è stata quella delle plusvalenze, che non è un comportamento illegale. Ma La Juve va punita lo stesso: meno 15.

Cosa aspettarsi?

Adesso, cosa devono aspettarsi i tifosi della Juventus dai vari fascicoli che sono aperti in ambito di giustizia sportiva e ordinaria?

"Penso - argomenta Bertinetti - che il 19 aprile il CONI, se non conferma l'ormai famoso -15, rinvierà il tutto alla Corte d’Appello, che a campionato finito ne infliggerà alla Juve tanti punti quanti bastano per tenerla fuori dall’Europa. E che dire della faccenda stipendi? Lunedì a Torino c’è stata l’udienza preliminare. Tutto rinviato al 10 maggio. Si va per le lunghe e la FIGC ne è felice, perché troverà un appiglio per togliere altri punti alla Juve nel prossimo campionato".

Seguici sui nostri canali