Poca acqua nel lago di Candia spuntano ordigni bellici della Seconda Guerra Mondiale, fatti brillare questa mattina dagli artificieri di Fossano.

Dal lago di Candia spuntano ordigni bellici

L'emergenza siccità che ha fatto riemergere a Ceresole i resti dell'antico paese, a Candia a causa dell'anomalo abbassamento livello del lago (circa 1 mt.) sono stati rinvenuti tre ordigni risalenti alla Seconda Guerra Mondiale, nell’area “antico chalet” vicino all' impianto dove si allenano due società sportive di canoa e canottaggio.

Presidio dei carabinieri

Il Comune ha immediatamente provveduto a informare il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Caluso, provvedendo alla messa in sicurezza della zona con una apposita Ordinanza. L'area è stata pattugliata dai carabinieri h24. Qui, ha sottolineato il sindaco Mario Carlo Mottino "tanti giovani quotidianamente si allenano, e hanno comunque potuto, in totale sicurezza, continuare la loro attività; hanno invece dovuto essere rimandate le riprese di un film".

Ordigni fatti brillare

"Volutamente e in accordo con il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Caluso, abbiamo reso pubblico il ritrovamento a intervento concluso - ha concluso il Primo cittadino - ringrazio il Comandante assieme a tutti i suoi uomini per l’attenzione, collaborazione e il lavoro svolto in questi giorni, assieme alle pattuglie di altri comandi intervenute nella turnazione della sorveglianza”. A intervenire, questa mattina, gli artificieri del nucleo di Fossano, che hanno messo in sicurezza la zona e rimosso gli ordigni che sono poi stati fatti brillare in una zona sicura.