Menu
Cerca
Operazione dei carabinieri del NOE

1300 tonnellate di rifiuti pericolosi ammassati in un capannone a San Benigno | VIDEO

Era la sede di una ditta di commercio online di prodotti alimentari.

Cronaca Volpiano, 03 Novembre 2020 ore 11:01

1300 tonnellate di rifiuti pericolosi ammassati in un capannone a San Benigno. Proseguono incessantemente le attività volte a prevenire il fenomeno degli incendi di rifiuti attraverso la ricerca e il sequestro di capannoni adibiti a discarica abusiva nel territorio, esercitate tramite lo sforzo congiunto dei Carabinieri del NOE di Torino e le varie componenti dell’Arma territoriale.

Operazione dei carabinieri del NOE

A seguito delle attività investigative svolte sul territorio dai NOE del Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale per individuare flussi illeciti di rifiuti, che nei mesi passati avevano già portato al sequestro di un capannone a Moncalieri, nei giorni scorsi, in esecuzione di un decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Torino, a San Benigno Canavese è stata sequestrata una nuova struttura illecitamente adibita a discarica.

Capannone di 1000 metri quadri

L’area, composta da un piazzale di 350 metri quadrati e da un capannone di 1000 metri quadrati, era la sede di una ditta di commercio online di prodotti alimentari, tuttavia autorizzata in via semplificata alla gestione di diverse tipologie di rifiuti, autorizzazione peraltro decaduta nel settembre dello scorso anno. Infatti, al loro ingresso, i Carabinieri del NOE di Torino e i militari della Stazione CC di Volpiano hanno trovato una notevole quantità di rifiuti accatastati in modo eterogeneo senza che venisse osservata alcuna regola per lo stoccaggio.

1300 tonnellate di rifiuti pericolosi

Sono così state rinvenute circa 1300 tonnellate di rifiuti anche pericolosi come neon, batterie e circuiti per apparecchiature elettroniche, accumulatori, toner esausti per stampanti, pannelli fotovoltaici e monitor per pc, estintori e bombole per sostanze gassose, oltre che decine di big bags contenenti CD e parti plastiche di apparati bancomat e elettrodomestici. All’esterno del capannone oltre ai RAEE si rinvenivano diversi cassoni contenenti cartongesso, guaine catramate e fusti riempiti di oli esausti.

Area sotto sequestro

I militari del NOE di Torino, in accordo con la Procura del Capoluogo piemontese, hanno quindi proceduto al sequestro dell’intera area e dei rifiuti presenti, oltre a documentazione cartacea falsamente creata allo scopo di esercitare il traffico dei rifiuti. Sono in corso attività di indagine dirette a stabilire la provenienza delle diverse tipologie dei rifiuti ed individuare i vari attori dell’attività illecita.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli