Cronaca
vie legali

A Borgaro e Robassomero iniziate le procedure nei confronti della “Polisportiva River Borgaro”

Per rientrare in possesso di piscine e palazzetti.

A Borgaro e Robassomero iniziate le procedure nei confronti della “Polisportiva River Borgaro”
Cronaca Torino, 01 Novembre 2020 ore 17:23

A Borgaro e Robassomero iniziate le procedure nei confronti della “Polisportiva River Borgaro” per rientrare in possesso di piscine e palazzetti.

A Borgaro approvate tre delibere di giunta

I contratti avrebbero avuto validità fino al 31 luglio 2021 per la gestione del Palazzetto e fino a novembre 2027 per la gestione delle due piscine cittadine. Dopo la sospensione, a tempo indeterminato, degli impianti si sono presi provvedimenti. Nell'ultima riunione di giunta sono state approvate tre delibere. Lo scopo è riprendersi gli edifici pubblici e riaffidarli celermente. Alla maggioranza preme in particolare il palazzetto più facile da riaprire.

Palestre chiuse

Nel mese di settembre si era riaperte le palestre delle scuole. Le società sportive erano tornate ad allenarsi. Ma dopo il decreto del 24 ottobre non sarà più possibile. Dichiara il consigliere delegato allo sport Paolo Massa: “Le strutture, visto il nuovo dpcm, le stesse saranno chiuse almeno fino al prossimo 24 novembre”.

Robassomero si litiga

Nuova diatriba tra la giunta Mangani e il gruppo “Italia Viva”. Quest'ultimo sollecita una risposta sul futuro della piscina comunale. Dichiarano i coordinatori e vice Giuseppe Lozito e Renata Capello: “Abbiamo provato un senso di incredulità nel leggere che il Comune non sia stato in grado di tutelare e mettere in sicurezza i beni della collettività robassomerese, procedendo a ottemperare alle clausole della convenzione in merito alla cessazione anticipata. Presentiamo formale richiesta di ricevere precise informazioni”. Replica il capogruppo maggioranza Denis Schillaci: “Non siamo costretti a rispondere a un partito ma solo ai cittadini. Al momento siamo stati informati che gli impianti funzionano al minimo. Per il resto ci riserviamo di portare avanti delle azioni per rientrare in possesso delle strutture pubbliche”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter