Cronaca

Abbandono di rifiuti pericolosi vicino al Castello di San Giuseppe

Per prevenire episodi simili il Comune di Chiaverano acquisterà a breve alcune fotocamere cosiddette "trappola".

Abbandono di rifiuti pericolosi vicino al Castello di San Giuseppe
Cronaca Ivrea, 18 Febbraio 2018 ore 07:13

Abbandono di rifiuti pericolosi vicino al Castello di San Giuseppe a Chiaverano.

Abbandono di rifiuti pericolosi

All'inizio della scorsa settimana a Chiaverano è stato segnalato un abbandono di rifiuti pericolosi. Si tratta infatti di una serie di taniche contenenti liquido infiammabile nelle vicinanze del Castello di San Giuseppe. "Non abbiamo potuto provvedere ad una immediata rimozione. - spiegano dal Comune - In quanto le taniche erano in parte rotte con sversamento di liquido. Inoltre si trattava di rifiuti considerati pericolosi. Abbiamo quindi dovuto in primo luogo emettere un'ordinanza per la pulizia. E il ripristino dell'area". Dopo aver circoscritto con bandella il luogo, è stata cercata una ditta specializzata per il trattamento e lo smaltimento di questo tipo di rifiuto.

Salasso per la collettività

Rischia di costare molto caro alle tasche dei cittadini l'abbandono di rifiuti pericolosi vicino al Castello. "La ditta, dopo un sopralluogo, ci ha infatti inviato un preventivo che prevede lo smaltimento dei rifiuti e la indispensabile bonifica dell'area - aggiungono dal Municipio - Il tutto per la bellezza di euro 2000 circa! Quindi, ancora una volta, ricade sul bilancio pubblico. E quindi su tutti noi un costo dovuto all'imbecillità di un delinquente che ha pensato bene di disfarsi dei suoi bidoni gettandoli nel bosco. Fregandosene del rischio di inquinamento oltre che del rischio di incendio".

Foto-trappole in arrivo

Per cercare di prevenire in futuro queste azioni scellerate il Comune di Chiaverano acquisterà quindi a breve alcune fotocamere cosiddette "trappola". Saranno poste a rotazione in vari luoghi del territorio comunale soggetti ad abbandono di rifiuti pericolosi o ad altri comportamenti sanzionabili. "Nel momento in cui dovessimo riprendere una qualsiasi azione disonesta provvederemo a sanzionare nel modo più pesante possibile il responsabile. Oltre a sporgere nei suoi confronti denuncia penale" concludono dal Comune.

Seguici sui nostri canali