Abbuffate natalizie, le raccomandazioni per non finire in ospedale

A dicembre boom del consumo di medicinali per la cura di problemi gastrointestinali.

Abbuffate natalizie, le raccomandazioni per non finire in ospedale
Torino, 25 Dicembre 2019 ore 00:42

Abbuffate natalizie, le raccomandazioni per non finire in ospedale. Un sondaggio rilanciato nei giorni scorsi in Svizzera sembra quasi la scoperta dell’acqua calda.

Abbuffate natalizie, tutto finisce con i medicinali…

Il quesito formulato suona più o meno così: «Sapete quali sono i medicinali più acquistati nel mese di dicembre?». E la risposta è altrettanto banale: «Quelli che servono a calmare mal di pancia e problemi intestinali». Le conferme, peraltro, sono giunte dalle cause farmaceutiche dove, solo per fare un esempio, il portavoce del colosso Sanofi, Jacques-Henri Weidmann ha fatto sapere che «dicembre è il secondo mese dell’anno in cui un prodotto come “…” – per la soluzione dei problemi intestinali – registra le vendite maggiori».

La conferma arriva anche dalle case farmaceutiche

Anche la Bayer, ha confermato di assistere in questo periodo ad un aumento delle vendite di farmaci di questo tipo. Stessa tendenza anche per la Zeller, società attiva in prodotti naturali. E se i grandi gruppi farmaceutici ci confermano che le grandi abbuffate delle festività di fine anno spesso ci portano ad avere problemi di salute ed il numero di pazienti con problemi di stomaco e diarrea aumenta drasticamente, allora è necessario andare a capirne le cause.

Ma quali sono le cause?

Secondo quanto sostenuto da alcune ricerche in tal senso, il motivo principale risiederebbe nella carne di pollo nel Nord, mentre nel Sud anche nel consumo di pesce crudo. Accade, infatti, che pezzi di pollo crudo spesso finiscono nei piatti e possono venire a contatto con contorni e verdure. Uno studio dell’Ufficio federale della sanità pubblica elvetico (UFSP) ha dimostrato che sono proprio alcuni piatti a base di pollo e l’uso scorretto della carne cruda le cause principali dell’aumento delle infezioni durante le festività. In questo senso la campilobatteriosi è l’infezione alimentare segnalata più frequentemente. Da non trascurare, inoltre, l’uso e forse anche l’abuso di pesce crudo nella convinzione che temperature esterne più basse riducano la carica batterica. Nulla di più sbagliato! Per evitare qualsiasi tipo di rischio dal consumo di pesce e molluschi crudi l’unico modo è di evitarli proprio. Solo per scrupolo, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ricorda che ad essere maggiormente colpiti da sgradite conseguenze gastrointestinali non sono solo gli immunodepressi e le fasce più deboli della popolazione, ma anche i giovani dai 20 ai 29 anni. Il 15% degli italiani finisce addirittura in ospedale, e questo ha una diretta conseguenza sull’aumento dei costi della salute.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità