Ceresole reale

Aggredito nel suo locale, il gestore del rifugio Mila ha subito un'operazione di 4 ore

Denunciato il suo aggressore, un 62enne di Beinasco che dovrà rispondere di lesioni aggravate.

Aggredito nel suo locale, il gestore del rifugio Mila ha subito un'operazione di 4 ore
Cronaca Alto Canavese, 19 Agosto 2021 ore 18:25

Aggredito nel suo locale, il gestore del rifugio Mila ha subito un'operazione di 4 ore, denunciato il suo aggressore, un 62enne di Beinasco.

Aggredito nel suo locale

Roberto Menzio, 55 anni, gestore del rifugio Massimo Mila a Ceresole il giorno di Ferragosto è stato vittima di un'aggressione proprio nel suo locale. Il fatto è accaduto la sera di domenica 15 agosto, al culmine di una lite con un 62enne di Beinasco. L'uomo, padre di uno dei ragazzi che lavora al rifugio Mila, avrebbe afferrato una bottiglia di vetro dal bancone del bar e l'avrebbe lanciata contro Roberto Menzio colpendolo in testa.

I soccorsi

Sul posto sono giunti i carabinieri che hanno sedato gli animi, mentre Menzio è stato accompagnato all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino dove successivamente ha subito un'operazione di 4 ore per ridurre la frattura allo zigomo. Melzio ha riportato anche una lesione all'occhio. E' stato lui stesso sulla pagina Facebook del Rifugio Mila a tranquillizzare tutti sulle sue condizioni di salute: «Ciao a tutti dal Roby. Sono appena uscito dalla sala operatoria dopo 4 ore di intervento. Sto bene. A prestissimo ci rivedremo in rifugio. Grazie molte per i tantissimi messaggi di solidarietà e di vicinanza. Grazie grazie».
Ora il 62enne dovrà rispondere dell’accusa di lesioni aggravate.