Menu
Cerca
Cuorgne'

Al bar senza mascherina poi aggredisce barista e civich, arrestata

La donna era già stata protagonista di un episodio simile il mese scorso...

Al bar senza mascherina poi aggredisce barista e civich, arrestata
Cronaca Cuorgnè, 29 Maggio 2020 ore 18:30

Al bar senza mascherina poi aggredisce barista e civich, arrestata per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Al bar senza mascherina

Nel tardo pomeriggio di ieri, giovedì 28 maggio 2020 una donna è entrata nella caffetteria “Arduino” in via Ruatti, a pochi passi da piazza Boetto e dal teatro comunale Pinelli, e priva di mascherina si è seduta ai tavolini del bar, pronta a ordinare la sua consumazione.

L’aggressione alla barista

La titolare le si è a quel punto avvicinata invitandola a indossare la mascherina, obbligatoria per la prevenire la diffusione del Coronavirus. La donna, una 40enne già nota alle forze dell’ordine di tutta risposta ha iniziato a insultare la barista e altri clienti del locale.

L’intervento delle forze dell’ordine

La scena è stata notata da alcuni passanti che dall’esterno del locale hanno assistito ai fatti. Sono stati proprio loro a fermare un agente della municipale che, entrato nella caffetteria ha tentato di fermare la donna che a quel punto ha aggredito anche il civich. L’agente è però riuscito a immobilizzare la donna e portarla fuori dal locale mentre anche il 112 veniva allertato. Sul posto sono intervenuti sia il commissario della Polizia locale, Linuccia Amore, sia i carabinieri di Cuorgnè, agli ordini del comandante, Gianni Bertoneri, insieme ai colleghi di Castellamonte.

Arrestata

La donna è stata così condotta in caserma a Cuorgnè ed è stata arrestata e posta agli arresti domiciliari. L’accusa nei suoi confronti è di lesioni e oltraggio. La 40enne inoltre non è nuova a episodi di questo genere: lo scorso 9 aprile infatti, in piena emergenza da Coronavirus, era già stata fermata e denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, dopo aver preso a male parole una vigilessa e i carabinieri che l’avevano esortata ad uscire dai giardinetti pubblici di piazza Martiri della Libertà dove si era introdotta, senza autorizzazione, con il proprio cane.