Allargamento cimitero di Busano, al via i lavori

Saranno un centinaio i nuovi loculi.

Allargamento cimitero di Busano, al via i lavori
Rivarolo, 11 Novembre 2018 ore 15:49

Al via i lavori per l'allargamento cimitero di Busano, previsto anche il secondo lotto di asfaltature in città.

Allargamento cimitero di Busano

«Abbiamo dovuto fare i conti con un notevole ritardo, dovuto a problemi burocratici nel dopo bando di assegnazione. Ora, finalmente, dal 5 novembre potremo dare il là all’opera». Queste la parole di Giambattistino Chiono, primo cittadino di Busano, sulla costruzione di un centinaio di nuovi loculi cimiteriali, che di fatto permetteranno l’allargamento del camposanto altocanavesano.

Nel dettaglio...

«Già nel 2002 avevamo realizzato una serie di spazi, che stanno via via esaurendo - prosegue Chiono - I lavori avrebbero dovuto iniziare 4 mesi fa, ma c’è stata una serie di intoppi che li hanno rallentati. Ora, dopo alcune incompatibilità e rinunce, affidato l’intervento alla quarta ditta che era in graduatoria al termine del bando a brevissimo, meteo permettendo, si potrà intervenire». Sempre nel piano di miglioria del cimitero è prevista pure la pavimentazione di una parte della piazzola che attualmente è ricoperta da ghiaia. «Oltre a dare una “casa” degna ai nostri cari dopo il trapasso - aggiunge il borgomastro busanese - crediamo sia giusto permettere alle persone di andare a rendere loro il giusto omaggio in tutta sicurezza».

Secondo lotto di asfaltature cittadine

Nel complesso, l’intervento costerà al comune circa 140mila euro. Inoltre, il mese di novembre servirà al Municipio busanese anche per l’avvio del secondo lotto di asfaltature, lavori che erano stati messi in preventivo nello stesso periodo delle opere cimiteriali. «Si tratta della seconda parte delle asfaltature che avevamo in programma nel 2018 - conclude Chiono - Quella più corposa è stata realizzata nei mesi scorsi, mentre nelle prossime settimane daremo il via alla seconda ed ultima tranche, in questo caso per un investimento pari ad ulteriori 40 mila euro».