Menu
Cerca
"Maiali" di nuovo in azione

Ancora rifiuti scaricati senza ritegno in via Caviglione

Dopo gli episodi di alcuni mesi fa si sono registrati, purtroppo, nuovi episodi di ignoranza.

Ancora rifiuti scaricati senza ritegno in via Caviglione
Cronaca Alto Canavese, 28 Novembre 2020 ore 00:29

Nuovi episodi a Pont, ma l’Amministrazione interviene prontamente. Ancora rifiuti scaricati senza ritegno in via Caviglione.

Ancora rifiuti scaricati senza ritegno in via Caviglione

La storia si ripete. Come in un brutto film già visto, via Caviglione, la storica via porticata pontese, continua ad essere scambiata da qualcuno per una discarica a cielo aperto. Nei giorni scorsi sono stati nuovamente abbandonati lungo la via, fuori dagli appositi bidoni, rifiuti di ogni genere. Un vecchio ventilatore, giochi per bambini, quel che resta di una carrozzina, sacchi dell’immondizia divelti: sono alcuni degli oggetti lasciati in bella vista sotto i portici, puntualmente immortalati dagli scatti dei residenti e poi pubblicati sui social per testimoniare, per l’ennesima volta, una situazione di degrado che purtroppo si protrae ormai da tempo.

Altri episodi solo qualche mese fa

Solo qualche mese fa gli abitanti di via Caviglione avevano denunciato con forza il problema, ma a quanto pare anche il clamore mediatico suscitato dalla vicenda non è stato sufficiente a fare da deterrente per scoraggiare comportamenti incivili, frutto di maleducazione e scarso senso civico. Da segnalare in positivo solo il fatto che, subito dopo la pubblicazione delle immagini, i rifiuti sono stati prontamente rimossi dall’amministrazione comunale.

Amministratori comunali pronti ad intervenire

E’ stato lo stesso vicesindaco, Massimo Motto, ad intervenire in prima persona, appena viste pubblicate le foto sulla pagina social «Insieme per Pont», per rimuovere la spazzatura abbandonata sotto i portici. «In questo caso – afferma Motto – i social funzionano molto bene, perché, grazie alle segnalazioni in tempo reale dei cittadini, abbiamo modo di intervenire con tempestività. Rispetto alla possibilità di installare telecamere come possibile deterrente, l’abbiamo valutata, ma esiste un problema tecnico, perché le telecamere, per non far ricorso ad un allacciamento privato, dovrebbero potersi interfacciare con un’antenna posta sulla torre Tellaria, cosa non possibile per via Caviglione».

Presto in sistema di videosorveglianza

«Le aree più critiche per questa via – prosegue il vicesindaco – sono senza dubbio piazza San Francesco e il tratto finale verso piazza Europa. A questo punto non pensiamo però di installare delle telecamere a guardia dei bidoni, ma di attivare un vero e proprio sistema di videosorveglianza entro il 2021-2022 e nel frattempo provvedere ad una sostituzione generale dei cassonetti con altri più idonei, assegnandone ad ogni utente uno dove conferire i rifiuti, per favorire pure un maggiore controllo. Purtroppo il problema è stato trascurato da oltre un decennio e questo progressivo degrado non ha certo stimolato il senso civico ed ecologico delle persone».