Cronaca

Bambini maltrattati: maestra agli arresti domiciliari

I piccoli avevano incubi, soffrivano di incontinenza notturna e si rifiutavano di andare a scuola.

Bambini maltrattati: maestra agli arresti domiciliari
Cronaca 03 Maggio 2019 ore 14:56

Bambini maltrattati: maestra agli arresti domiciliari. E’ quanto accaduto nella scuola primaria di corso Sebastopoli a Torino.

Bambini maltrattati

Bambini maltrattati nella scuola primaria di corso Sebastopoli a Torino. La maestra è agli arresti domiciliari a causa di questa pesante accusa. Il provvedimento è stato eseguito dagli agenti del Reparto Polizia di Prossimità della Polizia Municipale di Torino, su delega e con il coordinamento della Procura della Repubblica e del pm Rizzo.

Le indagini

Le indagini hanno preso il via in autunno quando i genitori hanno raccontato i maltrattamenti  subiti dai bambini e le conseguenze che tutto questo ha avuto. I piccoli infatti avevano incubi, soffrivano di incontinenza notturna e si rifiutavano di andare a scuola. Si tratta di violenze sia psicologiche che fisiche.

Gli episodi

“Per rimproverare i bambini la maestra era solita scagliare i portapenne o strapparli”. Affermano i genitori. La maestra intimava ai bambini di non riferire  a casa nulla di quanto accadeva in classe prospettando  gravi conseguenze.

LEGGI ANCHE: Maltrattamenti all’asilo: parla una delle mamme dei bambini coinvolti VIDEO

Maltrattamenti all’asilo nido, la scuola paritariaSiamo estranei ai fatti

Maltrattamenti all’asilo: parla una delle mamme dei bambini coinvolti VIDEO

Insegnati di un asilo nido indagate per maltrattamenti

Maltrattamenti all’asilo nido, la scuola paritaria: “Siamo estranei ai fatti

Maltrattamenti all’asilo nel milanese, genitori chiedono licenziamento delle altre maestre

Maestre violente all’asilo LA CONDANNA

Maltrattamenti asilo maestra condannata a 21 mesi di carcere

Maltrattamenti asilo un’altra maestra indagata

La svolta

La svolta è arrivata ieri, giovedì 2 maggio con l’arresto dell’insegnate. Al vaglio degli inquirenti  anche la posizione di chi, pur sapendo, ha comunque tollerato il proseguimento dei comportamenti e omesso opportuni e adeguati interventi. Sembrerebbe infatti che comportamenti come quelli tenuti nella scuola di corso Sebastopoli si erano già verificati in altri plessi in cui la donna insegnava.

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter