Menu
Cerca

Bancarotta imprenditore per una lite con i vicini dell’immobile da ristrutturare

Ad oggi il passivo ammonta a circa 850.000 euro tra debiti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate.

Bancarotta imprenditore per una lite con i vicini dell’immobile da ristrutturare
Cronaca Ivrea, 22 Febbraio 2018 ore 12:46

Bancarotta imprenditore per una lite con i vicini dell’immobile da ristrutturare.

Bancarotta imprenditore eporediese

Deve rispondere di bancarotta un imprenditore ed ex titolare di una società. Si occupava di ristrutturazione edile, costruzioni e impiantistica con sede legale a Ivrea. A raccontare le motivazioni dell’imputazione è stato il curatore fallimentare dell’azienda. La sfortuna dell’imputato è legata all’acquisto di un edificio di Foglizzo, che doveva essere ristrutturato e poi venduto frazionato.

La lite con i vicini dell’edificio acquistato

A causa di un mancato accordo con i vicini, però, la vendita è saltata, provocando la perdita dei liquidi ed il fallimento dell’azienda. Ad oggi il passivo ammonta a circa 850.000 euro tra debiti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. E anche di due istituti bancari, di un fornitore di materiale edile, di due dipendenti che affermano di non aver ricevuto alcune mensilità e di Equitalia.

Il testimone sentito in aula

Per confermare le difficili vicende dell’impresa è stato sentito come testimone il geometra che si occupava dei lavori. Secondo la sua versione dei fatti tra il 2006 ed il 2008 gli affari andavano bene grazie a numerosi appalti tra nuove costruzioni e ristrutturazioni per conto terzi.

 

Gli stipendi ai dipendenti pagati di tasca propria

Nonostante le difficoltà, l’imputato come ha detto in udienza ha sempre pagato i dipendenti. Anche con fondi personali, tranne che nell’ultimo periodo perché non ce n’erano più.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli